KIRGHIZISTAN. Mosca non apre una seconda base. Per ora

87

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov dice che Bishkek non ha chiesto a Mosca di aprire una seconda base militare in Kirghizistan, ma ha aggiunto che la Russia è pronta e aperta a discutere l’idea. Parlando agli studenti dell’Università Slava russo-kirghisa di Bishkek il 4 febbraio, a Lavrov è stato chiesto se la Russia fosse disposta ad aprire una seconda base nel paese dell’Asia centrale, riporta Interfax.

Affermare che «questa è la prima volta che ne abbiamo sentito parlare», ha detto Lavrov, che stava incontrando alti funzionari in Kirghizistan,  prima tappa di un viaggio in tre paesi dell’Asia centrale, «Questa non è la nostra iniziativa. Saremo pronti a discutere con i nostri amici kirghisi le loro idee in materia di sicurezza».

Da mesi circolano in Kirghizistan e in Russia notizie e voci sulla possibilità che la Russia possa aprire una seconda base militare. La base aerea russa di Kant, nel Kirghizistan settentrionale, è stata aperta nel 2003 sotto l’egida dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, Csto, che comprende Russia, Kirghizistan, Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Tagikistan.

Una base aerea statunitense poco fuori della capitale, Bishkek, ha iniziato ad ospitare le truppe statunitensi nel 2001 come parte della campagna operativa nel vicino Afghanistan, ma il Kirghizistan l’ha chiusa nel 2014. La Russia aveva fatto pressione sul Kirghizistan per la sua chiusura.

Nel dicembre 2018, il presidente del Kirghizistan Sooronbai Jeenbekov ha detto che Bishkek non stava negoziando con Mosca sulla possibile apertura di un’altra base militare russa.

In precedenza a marzo, Jeenbekov aveva detto che l’idea di una seconda base russa era stata discussa prima di essere eletto presidente nell’ottobre 2017, ma che non era stata presa alcuna decisione. All’inizio del 2017, l’allora presidente Almazbek Atambaev aveva detto che la Russia avrebbe potuto schierare truppe nella regione di Batken sul confine tra Kirghizistan e Tagikistan, invece di aumentare il numero di truppe di stanza a Kant. Ha detto che la questione era stata discussa anni fa, ma che non è stata presa alcuna decisione a causa di questioni di finanziamento.

Sempre nel 2017, la base aerea Kant e altre tre strutture militari russe in Kirghizistan sono state formalmente riunite in un’unica base.

Anna Lotti