Kiev chiude i conti correnti della Crimea

67

UCRAINA – Kiev. 10/03/14.Kiev ha disabilitato il sistema elettronico del dipartimento di Crimea Tesoreria dello Stato e bloccato tutti i conti Repubblica di Crimea. Fonte Interfax. Che cita il vice-primo ministro della repubblica autonoma Rustam Temirgalieva.

Secondo Temirgalieva nonostante le autorità della Crimea abbiano la situazione sotto controllo Kiev ha bloccato i conti. «Stiamo aprendo di corsa i conti nelle banche russe, compresi i conti in rubli. Le persone sono senza pensioni e non ci sono i soldi per pagare i salari» ha detto il vice primo ministro, aggiungendo che «Comunque la Crimea può vivere in modo indipendente anche in una situazione del genere». L’8 marzo il Presidente del Consiglio Supremo della Repubblica di Crimea Vladimir Konstantinov durante la sua visita a Mosca, ha detto che in caso di adesione della regione alla Russia, il suo bilancio sarà aumentato due volte. «Questa è la garanzia che abbiamo ricevuto dalla Russia. Siamo arrivati a questo, ad essere onesti, non ci aspettavamo» ha detto Konstantinov. Il 16 marzo in Crimea ci sarà un referendum su due domande: «Vuoi unire ARC come soggetto della Federazione Russa?», e «Tu sei per l’applicazione della Costituzione della Crimea nel 1992 e salvare la Crimea come parte dell’Ucraina?». Dopo la variazione effettiva del potere in Ucraina alla fine di febbraio 2014: la Crimea ha rifiutato le scelte di Kiev e ancora si è rifiutata di eseguire le decisioni della Verkhovna Rada. Il Capo della Repubblica di Crimea, Sergei Aksenov, ha chiesto l’aiuto di Vladimir Putin. Dopo di che, il presidente russo ha ricevuto il via libera ablazione dalla risoluzione del Consiglio della Federazione per il dispiegamento di truppe sul territorio dell’Ucraina.