KENYA. Tillerson benedice l’accordo Kenyatta-Odinga

61

Il Segretario di Stato americano, Rex Tillerman, si è congratulato con il Presidente del Kenya e con il leader dell’opposizione per aver raggiunto un accordo, teso a risolvere la crisi politica iniziata con le elezioni dell’agosto 2017. «Mentre sappiamo che affrontare le divisioni etniche e politiche del Kenya richiederà un po’ di tempo e impegno, oggi entrambi questi uomini hanno dimostrato una grande leadership nel riunirsi», ha detto Tillerson, in una conferenza stampa a Nairobi dopo l’incontro con il presidente Uhuru Kenyatta, riporta Efe.

«Tutto il merito va ai due leader», ha detto Tillerson quando i giornalisti hanno suggerito una possibile connessione tra la sua visita e la tempistica dell’accordo. Kenyatta ha detto che il paese era più importante di qualsiasi individuo e che le elezioni vanno e vengono, ma il Kenya rimane. «Inizieremo un processo di discussione su ciò che ci sta a cuore e ciò che crea divisione tra di noi», ha detto il presidente, a seguito di colloqui con il capo dell’opposizione Raila Odinga.

«È giunto il momento, per noi, di affrontare e risolvere le nostre divergenze; queste differenze stanno diventando troppo radicate”, ha detto Odinga attraverso l’account Twitter del suo partito, la National Super Alliance. Il leader dell’opposizione ha sottolineato che il conflitto deve finire, poiché Kenyatta e Odinga non possono «essere i leader sotto la cui sorveglianza il Kenya è scivolato verso il baratro del fallimento».

Tillerson, tuttavia, ha espresso preoccupazione per le questioni che minacciano la democrazia e che devono essere risolte, come la chiusura di diverse emittenti televisive indipendenti o l’interferenza del governo nel sistema giudiziario. A novembre 2017, la Corte suprema del Kenya ha confermato i risultati delle elezioni presidenziali, che hanno visto Kenyatta vincere in vista di un possibile boicottaggio dell’opposizione.

La decisione del tribunale ha scatenato le feste tra i sostenitori di Kenyatta e le proteste nelle roccaforti di Odinga in tutto il paese dell’Africa orientale, poiché Odinga si è rifiutato di accettare i risultati elettorali e ha negato legittimità al governo.

Maddalena Ingroia