KENYA. Tensioni etnico elettorali serpeggiano nel paese

76

Il leader dell’opposizione del Kenya Raila Odinga ha detto che ci potrebbero essere proteste di massa se le elezioni di agosto fossero state truccate. Le dure parole di Odinga fanno temere il ripetersi delle proteste che nel 2013 hanno insanguinato il paese.

Più di 1.200 persone sono state uccise dopo che le proteste politiche si sono trasformate in scontri etnici, ma quando Odinga ha accettato il risultato dopo una sentenza del tribunale, gli anni sono trascorsi senza scontri.

«Questo paese non è pronto per un’altra elezione truccata. I Keniani non lo accetteranno», ha detto Odinga, notando che più persone si erano registrate a votare con la stessa carta d’identità.

La commissione elettorale nazionale ha accettato alcune delle sue critiche e ha identificato 78mila registrazioni duplicate. Il portavoce Andrew Limo ha detto che la commissione stava risolvendo il problema.

Il governo ha detto Odinga sta semplicemente cercando di screditare il processo di voto anticipato per preparare il terreno per sfidare i risultati per le strade.

Il Kenya è un alleato occidentale ed è un paese stabile in una regione avvita da conflitto. La sua economia di 63 miliardi di dollari è la più grande dell’Africa orientale, ma la crescita non è abbastanza veloce per assorbire la massa crescente di giovani disoccupati.

Il governo del presidente Uhuru Kenyatta è stato colpito da una serie di scandali di corruzione e da tre mesi di sciopero dei medici uno sciopero da parte dei medici.

Kenyatta, rivale politico di Odinga, ha trascorso gli ultimi due mesi su una massiccia campagna di registrazione degli elettori in tutto il paese e nel suo bacino etnico kikuyu, una strategia che lo ha aiutato a prevalere su Odinga nel 2013.

Entrambe le parti si accusano a vicenda di fomentare tensioni tribali, un gioco pericoloso in un paese in cui la politica si divide spesso su base etnica.

Maddalena Ingroia