KENYA. La ferrovia cinese verso il Nulla

96

Il Kenya ha lanciato servizi di trasporto merci su un nuovo prolungamento di una linea ferroviaria finanziata dalla Cina fino al cuore del paese, ma rimangono dubbi sulla fattibilità del progetto dopo che le autorità non sono riuscite ad assicurarsi il finanziamento cinese per estendere la linea fino al confine con l’Uganda.

A Nairobi, il presidente keniota Uhuru Kenyatta ha lanciato le operazioni di carico sulla nuova sezione da 1,5 miliardi di dollari della Standard Gauge Railway tra il capitale e Naivasha, una città nella Rift Valley.

Al lancio c’era anche l’inviato speciale del presidente cinese Xi Jinping, il consigliere di Stato Wang Yong, e le autorità di Pechjno nel paese africano: Wang ha detto che il Kenya e la Cina sono impegnati in un partenariato vantaggioso per entrambi che andrà a vantaggio della popolazione , riporta Scmp.

La sezione di 120 km della linea ferroviaria è stata finanziata da Exim Bank of China ed è un’estensione della linea di 3,2 miliardi di dollari da Mombasa sulla costa a Nairobi. In origine il piano prevedeva di estendere ulteriormente la linea fino a Malaba, al confine con l’Uganda. Ma viste le accuse sulla trappola del debito, Pechino ha espresso riserve sulla fattibilità finanziaria dell’ammodernamento e ha chiesto che venga condotto un nuovo studio di fattibilità prima di sbloccare i fondi. 

Da allora, il governo keniota ha deciso invece di rivedere l’attuale ferrovia costruita in Gran Bretagna, costruita più di un secolo fa e che non consente ai treni di muoversi con la stessa velocità del sistema standard moderno. Con ulteriori finanziamenti cinesi in dubbio, l’Uganda ha detto che avrebbe revisionato la sua vecchia ferrovia piuttosto che costruire una nuova linea più efficiente.

Kenyatta, all’inaugurazione, ha detto che il governo keniota era in trattative con un investitore privato per finanziare l’aggiornamento.

Con il lancio della linea, gli importatori di merci destinate alla parte occidentale del Kenya e ai paesi vicini come l’Uganda, il Sud Sudan, il Ruanda e la Repubblica Democratica del Congo preleveranno ora il loro carico dal deposito di Naivasha.

Il deposito sarà servito da due treni al giorno e già due linee di navigazione si sono impegnate a portarvi il loro carico direttamente da Mombasa. La tratta Mombasa-Nairobi ha aperto al traffico passeggeri nel 2017 e poi alle merci l’anno scorso. Mentre i servizi passeggeri hanno avuto successo, l’assorbimento delle merci – il motivo principale per la sua costruzione – è stato lento.

La linea è stata utilizzata per trasportare solo 6,8 milioni di tonnellate di merci, molto al di sotto dell’obiettivo annuale di 8 milioni di tonnellate.

Tommaso dal Passo