KENYA. Il terrorismo destabilizza intere regioni africane

48

Il trauma del terrorismo colpisce le famiglie, le comunità e destabilizza intere regioni, ha detto il 10 luglio il segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, esprimendo la sua solidarietà alle vittime degli attacchi terroristici in Africa. Parlando a Nairobi in occasione dell’apertura della conferenza sulla lotta al terrorismo, African Regional High-Level Conference on Counter-Terrorism and the Prevention of Violent Extremism Conducive to Terrorism, Guterres ha ricordato come gli aggressori hanno assediato un complesso alberghiero della capitale a gennaio, uccidendo 21 persone.

Anche il deterioramento della situazione nel Sahel e i “rischi crescenti” in Africa occidentale sono profondamente preoccupanti, ha continuato il capo dell’Onu, tra i continui attacchi di militanti armati nella regione del lago Ciad, nel Mali centrale, nel Burkina Faso e nel Niger. Alla luce di questi sviluppi, «è urgente che la comunità internazionale sostenga gli Stati membri di questa regione», ha dichiarato Guterres, osservando che la popolazione africana «è in prima linea negli sforzi per combattere il terrorismo e la diffusione dell’estremismo violento», riporta un comunicato Onu.

In un appello per maggiori sforzi da parte degli Stati africani e della comunità internazionale per unirsi contro il terrorismo, il segretario Generale delle Nazioni Unite ha anche osservato che si dovrebbe fare di più per affrontare i “motori e gli strumenti” dell’estremismo violento. Le Nazioni Unite hanno dato la priorità ai progetti di sviluppo delle capacità per i paesi africani su questioni quali l’attenuazione della minaccia dei combattenti terroristi stranieri, l’emancipazione dei giovani, la lotta al finanziamento del terrorismo e il miglioramento della sicurezza aerea.

«Nulla può giustificare il terrorismo e l’estremismo violento, ma dobbiamo anche riconoscere che non nascono nel vuoto», ha detto Guterres, insistendo sul fatto che «l’ingiustizia reale o percepita e l’emancipazione promessa diventano attraenti ovunque vengano violati i diritti umani, il buon governo viene ignorato e le aspirazioni vengono schiacciate». La mancanza di istruzione e la povertà sono stati fattori di radicalizzazione, ha continuato Guterres, «ma il punto di svolta finale» è spesso la violenza guidata dallo Stato e l’abuso di potere, ha affermato il segretario Generale Onu.

Gli Stati dovrebbero fare di più per affrontare questi fattori di rischio, oltre a prevenire i conflitti, rafforzare le istituzioni statali e la società civile, costruire una pace duratura e promuovere uno sviluppo sostenibile per affrontare la povertà, la disuguaglianza e la mancanza di opportunità che alimentano la disperazione, ha insistito Guterres.

Maddalena Ingrao