Nairobi risponde a Taipei

67

KENYA – Nairobi 14/04/2016. Il 13 aprile, il Kenya ha difeso il trasferimento degli hacker di Taiwan in Cina dopo che erano stati assolti in Kenya, scatenando le ire di Taipei.

Riporta Defence Web che Nairobi sostiene di aver rispedito da dove venivano delle persone entrate in Kenya illegalmente. Il Kenya non ha relazioni ufficiali con Taiwan e considera l’isola di Cina una parte della Cina, in linea con la posizione di Pechino. Il ministero degli Esteri di Taiwan ha detto uno dei trasferiti in Cina è anche un cittadino statunitense e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, pur a conoscenza della situazione ha detto che non poteva “discuterne” per rispetto della privacy dell’interessato e che aveva bisogno di ulteriori dettagli sull’espulsone. Non si sa in quale città siano stati trasferiti i primi otto hacker ma la Kenya Airways e China Southern, compagnie che servono le tratte tr ai due paesi, si servono entrambe dell’aeroporto di Guangzhou.