KAZAKISTAN. Noto giornalista kazako a processo per estorsione

35

di Anna Lotti KAZAKHSTAN – Astana 20/01/2017. Il giornalista kazako Bigeldy Gabdullin è sotto processo a Astana con l’accusa di estorsione.

Secondo quanti riporta Rfe, le accuse contro Gabdullin sono state formalizzate il 17 gennaio: vi si sostiene che il giornalista abbia estorto denaro da funzionari statali pubblicando o minacciando di pubblicare materiale in grado di danneggiare la loro reputazione. Gabdullin, arrestato nel mese di novembre, è stato dichiarato colpevole in un’udienza preliminare l’11 gennaio. Per il suo avvocato, Gabdullin aveva pagato più di 60mila dollari alle vittime, senza però dare poi una spiegazione. Gabdullin, 61 anni, divenne noto nel 1990 per gli articoli di critica del presidente Nursultan Nazarbaev; era fuggito negli Stati Uniti nei primi anni 2000, dicendo che temeva per la sua vita; era poi tornato in Kazakhstan nel 2004, divenendo il direttore del giornale filogovernativo Central Asia Monitor; nonché fondando il sito di notizie Radiotochka.kz.