Il Kazakistan rifiuta di regolamentare il prezzo della benzina A-92

11
KAZAKHSTAN-Atana. 07/09/15. Il Kazakistan ha rifiutato di regolamentare il prezzo della benzina A-92. Fonte Trend.az.
 
Leggi tutto
 
A darne notizia il vice primo ministro del Kazakistan Bakytzhan Sagintayev in una conferenza stampa e successivamente sul comunicato pubblicato sul sito web del Servizio. Secondo lui, questa decisione è stata presa a causa dell’aumento in Kazakistan, il tasso di cambio del rublo russo, che si è verificato a causa della transizione verso un tasso di cambio fluttuante di tenge. Il 20 agosto il Kazakistan ha abolito la band valuta e passato a un tasso di cambio libera fluttuazione della moneta nazionale, il tenge.
“Ad oggi abbiamo risparmiato circa il 30 percento. Dato il valore di crescita del rublo da 2.5 a 3.6 tenge per unità di moneta russa, c’è il rischio di carenza dovuto all’aumento dei prezzi di acquisto. Per evitare tale situazione e si è deciso di lasciare i prezzi della benzina A-92 “, – ha detto Sagintayev. Allo stesso tempo, ha detto, nonostante la cessazione del controllo dei prezzi, continueranno a monitorare per impedire una sovrastima irragionevole il costo della benzina nei mercati. Il Primo Vice Primo Ministro ha detto che tutti coloro che cercano di estrarre i profitti in eccesso rispetto alla situazione saranno puniti.
Alla fine di maggio, secondo l’ordine del ministro dell’Energia del Kazakistan, il prezzo massimo di vendita al dettaglio della benzina AI-92/93 sono stati fissati a 108 tenge per litro (il tasso per il quattro di settembre – 139,76 tenge = $ 1). Limitare i prezzi al dettaglio di diesel e benzina IA-80 in Kazakhstan non sono cambiate ed è rimasto a 99 tenge 89 tenge per litro, rispettivamente. Il Kazakistan ha tre grandi raffinerie di petrolio – Pavlodar, Shymkent e Atyrau.