Vietati gli smartphone alla polizia di Astana

9

KAZAKHSTAN – Astana 20/03/2016. Il Kazakistan ha vietato l’utilizzo di smartphone sul posto di lavoro per polizia e dipendenti pubblici, nel tentativo di evitare fughe di informazioni.

Secondo un documento pubblicato dai giornali kazaki gli smartphone sarebbero vietati a partire dal 24 marzo per gli agenti di polizia di turno e i funzionari pubblici dati i «casi sempre più frequenti di informazioni riservate trapelate attraverso WhatsApp».
Il governo kazako non ha ancora confermato l’autenticità del documento; però il 17 marzo il ministro dell’Interno Kalmukhanbet Kasymov ha confermato che alla polizia era già stato informalmente proibito di utilizzare gli smartphone sul posto di lavoro. Kasymov ha negato che il nuovo divieto sia collegato allo scandalo legato alla pubblicazione di una fotografia del cadavere di uno studente ucciso dalla polizia e condivisa sui social network a febbraio.