Kazakhstan: nel 2015 pil all’1,5%

54

KAZAKHSTAN – Almaty. 28/02/15. La testata Kazakhstan Today afferma che con il prezzo medio del petrolio Brent a 60 dollari al barile il tasso di crescita reale del PIL kazako nel 2015 sarà del 2,0%.

La Banca nazionale ha prodotto due scenari per gli orientamenti per la politica monetaria della Repubblica del Kazakistan per il 2015. Un criterio chiave per la separazione delle opzioni di scenario è stato determinato dal livello medio dei prezzi mondiali del petrolio. Considerato due scenari per la situazione macroeconomica, che suggerisce il livello medio dei prezzi di Brent Brent a 50 e 60 dollari per barile, sulla base delle previsioni del PIL Ministero dell’Economia Nazionale della Repubblica del Kazakhstan. Secondo la Banca nazionale, sotto il primo scenario, dove il tasso medio mondiale per il prezzo del petrolio è di 50 dollari al barile, il tasso di crescita reale del PIL è stimata al 1,5%. L’attuazione di questo scenario nel 2015 prevede una riduzione delle esportazioni nette e riduzione del volume delle importazioni di beni e aiuti al reddito per i non residenti. Così, nel prossimo periodo il disavanzo delle partite correnti non supererà il 4,0% del PIL. Nel conto finanziario si prevede di ridurre l’afflusso di investimenti diretti in relazione al superamento del picco di finanziamento dei progetti in corso di realizzazione (anni precedenti) e il possibile trasferimento di nuovi progetti che coinvolgono investitori diretti stranieri in un secondo momento. La dinamica della massa monetaria sarebbe anche coerente con la dinamica del PIL nominale, che garantiscano che la monetizzazione del periodo di previsione a livello del 2014. Nel secondo scenario si prevede che nel 2015 il prezzo medio del petrolio sarà leggermente superiore rispetto allo scenario precedente, ma si svilupperà al di sotto del livello effettivo di 2014 e sarà di circa 60 dollari al barile. Di conseguenza, il tasso di crescita del PIL reale nel 2015 sarà del 2,0%. Nel 2015, il calo previsto del surplus commerciale e redditi pagati ai non residenti. Di conseguenza, il disavanzo delle partite correnti nel 2015 non supererà il 3,0% del PIL. Nel conto finanziario non è esclusa una riduzione dell’indebitamento netto del settore privato, che può essere compensato da nuovi prestiti statali delle organizzazioni finanziarie internazionali e trasferimenti dal Fondo nazionale della Repubblica del Kazakhstan. Nel 2015, la domanda di moneta in questo scenario sarà più alto rispetto allo scenario precedente. Dinamica del l’offerta di moneta anche il passo della crescita del PIL nominale, che fornirà un leggero aumento della monetizzazione del periodo di previsione, rispetto al 2014 anno. La relazione rileva che l’attuazione di tutti gli scenari per l’economia del Kazakistan nel 2015, l’obiettivo principale della Banca nazionale è quello di mantenere l’inflazione annuale in corridoio . 6,0-8,0% «La Banca nazionale ritiene che è più probabile la realizzazione del primo scenario di sviluppo economico della Repubblica del Kazakhstan», si legge nella nota dell’Istituto.