KAZAKHSTAN. La BERS assiste la trasformazione del settore bancario 

23

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, Bers, che ha un ampio portafoglio di 262 progetti in Kazakistan, ha investito quasi 9,1 miliardi di dollari dall’indipendenza del paese nel 1991. La banca cerca ora di aumentare la sua assistenza alle riforme del settore bancario kazako, ha dichiarato il presidente della Bers Sir Suma Chakrabarti, ripreso da Astana Times.

«Penso che nel settore bancario siano necessarie riforme enormi. Si tratta di un aspetto cruciale, perché in qualsiasi economia moderna in via di sviluppo, il settore bancario sta fondamentalmente convogliando i risparmi dei cittadini verso investimenti di alta qualità. Pertanto, il settore bancario deve essere veramente efficiente in questo senso e c’è molto margine di miglioramento in Kazakistan a questo proposito. Ciò è del tutto naturale in molti mercati emergenti. Riteniamo di poter dare un contributo in tal senso, con la riforma, ma anche con gli investimenti nel settore bancario», ha dichiarato. 

Nel considerare la possibilità di fornire assistenza per le riforme del settore bancario del paese, la Bers avrà bisogno di un quadro completo della qualità degli attivi e dell’adeguatezza patrimoniale delle banche: «Vorremmo vedere un maggiore consolidamento nel settore bancario; vorremmo che alcune delle preoccupazioni sull’integrità che sono state ben note venissero lentamente chiarite. Ma l’azione chiave è una revisione della qualità degli attivi quest’anno», ha affermato. 

La Banca Nazionale del Kazakistan ha iniziato una revisione il 1° agosto delle 14 banche del paese, che costituiscono l’87% del settore bancario, e prevede di terminare i lavori entro dicembre. 

Chakrabarti ha osservato che la Bers investe nel settore bancario in due modi: «Uno è che spesso forniamo, in particolare, finanziamenti di debito per aiutare una banca a muoversi nella giusta direzione; non solo una linea di credito, ma anche assistenza tecnica per migliorare la capacità della banca stessa. L’altro aspetto è che a volte prendiamo il capitale proprio della banca prima della privatizzazione. In questo momento, stiamo facendo qualcosa del genere anche in Bielorussia prima della privatizzazione», ha detto. 

Il presidente Bers ha preso atto dei significativi risultati ottenuti dal Kazakistan dal 1991 e ha affermato che sono necessarie ulteriori riforme: «Una delle questioni fondamentali è che il paese si è modernizzato e trasformato molto rapidamente negli ultimi 25 anni; è anche vero che molte persone si sono sentite escluse da questa trasformazione. Questo è molto comune nella storia dell’economia se si guardano gli altri paesi. La disuguaglianza tende ad aumentare nel periodo iniziale di modernizzazione. I posti di lavoro devono essere creati prima di tutto, posti di lavoro di buona qualità».  

Chakrabarti ha apprezzato il programma di privatizzazione del Kazakistan e ha notato che l’offerta pubblica iniziale di KazAtomProm nel mese di novembre 2018 ha trovato il 15% delle sue azioni quotate alla Borsa di Londra e all’Astana International Exchange. Il Kazakistan prevede inoltre di quotare le azioni delle sue maggiori società, tra cui Air Astana, Kazakhtelecom e KazMunayGas. 

Anna Lotti