Grandi infrastrutture per il Kazakhstan

67

KAZAKHSTAN – Astana. Le società Sovereign Wealth Fund e Samruk-Kazyna società per azioni del Kazakistan, completeranno una serie di grandi progetti d’investimento nel 2015. A darne notizia l’agenzia di stampa Trend venerdì che cita il Financial Officer, membro del Consiglio del Fondo Nurlan Rachmetov.

«In particolare, il gasdotto Beineu Bozoi Shymkent sarà costruito nel 2015» ha detto. «Sarà la fornitura di gas da ovest a sud del Kazakistan. Questo gasdotto risolverà il problema della carenza di gas nel sud del paese. Allo stato attuale, il gas viene acquistato in Turkmenistan e Uzbekistan per rifornire le regioni meridionali del Kazakistan. Il motivo è la mancanza di gasdotti che potrebbero consegnare il gas dai giacimenti kazaki». Inoltre, un complesso di idrocarburi sarà realizzato presso la raffineria di Atyrau nel 2015. Inoltre verrà costruito un impianto di perforazione mobile e una base di produzione di zolfo dalla compagnia del petrolio e del gas nazionale KazMunaiGas, sempre nel 2015. Verrà costruito un sistema automatizzato di controllo di supervisione a trazione elettrica in Kazakhstan dalla Temir Zholy (Ferrovie Kazakistan) nel 2015. L’azienda Samruk-Energo prevede invece di costruire una nuova sottostazione Turksib ad Almaty nel 2015. In totale, il gruppo di società Samruk-Kazyna ha circa 60 grandi progetti di investimento all’ordine del giorno, secondo Rachmetov. Il loro valore complessivo è di circa 146 miliardi dollari, e comprende sia i progetti già in corso sia quelli da iniziare. Prioritari nei piani di investimento le miniere, il settore chimico e petrolchimico, l’industria energetica e il settore immobiliare che attirano i principali progetti di investimento in queste aree, secondo il direttore finanziario del fondo. In particolare, la società mineraria Tau-Ken Samruk intende importare in Kazakistan nuove tecnologie per l’esplorazione, la produzione e la trasformazione nel settore minerario. L’azienda ha lanciato una raffineria nel 2013 e secondo la strategia del Tau-Ken Samruk, se si sviluppa con successo, ci sarà la possibilità di aumentare le riserve di rame di 4,5 tonnellate, zinco di 8,6 milioni di tonnellate, di piombo di 10 milioni di tonnellate, e ferro a 3 miliardi di tonnellate. Le industrie petrolchimiche e chimiche vedono la realizzazione della produzione di prodotti chimici di base. Per esempio, l’azienda nucleare Kazatomprom ha grande necessità di acido solforico e prodotti caustici.
Nel settore elettrico, il Fondo Samruk-Kazyna mira ad aumentare la capacità della società Samruk-Energo in modo da gestire il 50 per cento di energia elettrica del Paese. Inoltre, Samruk-Energo è quello di diventare un operatore nazionale nelle miniere di carbone. Per quanto riguarda la sfera di beni immobili, il Fondo immobiliare si prevede di commissionare intorno 1.085.000 metri quadrati di immobili (circa il 50 per cento di residenziale e 50 per cento del mercato immobiliare commerciale) entro il 2024. Sempre il Fondo immobiliare dovrà investire nel settore turistico. Infine collegato al Fondo Samruk-Kazyna è stato aperto il capitolo: Welfare creato secondo il decreto del Presidente del Kazakistan nel 2008 per migliorare la competitività e la sostenibilità dell’economia nazionale. Esso riunisce quasi tutti i beni statali del Kazakhstan e gestisce tali attività per conto del governo. KazMunaiGas NC JSC, l’operatore ferroviario – Kazakhstan Temir Zholy JSC, Kazakistan Rete Elettrica operativo società JSC (KEGOC), operatore di comunicazione Kazakhtelecom JSC, Kazatomprom JSC Nazionale Società atomica sono tra tali attività.