Astana: Business Road Map 2020

42

KAZAKHSTAN – Astana. 24/12/13. Durante la premiazione dei progetti di industrializzazione del Paese,  “Altyn Sapa” e “Paryz”, Nursultan Nazarbayev ha presentato i progetti di investimento del Paese per il quinquennio 2014-2019. 

Il presidente ha visitato gli stand dei produttori che hanno partecipato al concorso “Miglior prodotto del Kazakhstan”, che è stato anche lanciato dalla televisione digitale terrestre nei centri regionali del paese. In modalità online, il Capo dello Stato ha ispezionato le strutture esistenti e autorizzato la messa in servizio di 10 nuovi progetti.

Nel suo discorso, Nazarbayev ha detto che il paese sta entrando nella fase finale di attuazione del primo piano quinquennale del programma di innovazione industriale. «Negli ultimi quattro anni sono stati venduti più di 500 progetti innovativi creati oltre 60.000 nuovi posti di lavoro. Migliorato costantemente il quadro giuridico di industrializzazione. Implementato il programma “Business Road Map-2020” “Performance 2020”, “Exporter 2020” e altri. Un centinaio gli strumenti di sostegno statale a iniziative private. Molto lavoro è stato fatto per lo sviluppo della tecnicnologia ferroviaria, per la prima volta nella storia della nostra produzione Paese è sono tate lanciate locomotive elettriche e diesel per passeggeri e carri merci. Evoluzione anche nell’industria automobilistica. Questa è la nostra vittoria comune, di tutti i cittadini tutti Kazakhstan» ha detto Nursultan Nazarbayev. E poi ha continuato: «Grazie alle misure attuate entro la fine del 2013 la crescita economica dovrebbe raggiungere il 6 per cento. L’inflazione non sarà più del 5 per cento, la disoccupazione non supererà 5,2 per cento. In generale, il processo di industrializzazione del paese sta andando bene. Ora stiamo lavorando al progetto della seconda fase quinquennale di industrializzazione per il periodo fino al 2020. Data l’esperienza del primo piano quinquennale i nostri prossimi passi dovrebbero essere chiaramente verificati e calcolati» ha detto. Nursultan Nazarbayev ha osservato che lo sviluppo del secondo obiettivo del piano quinquennale dovrebbe concentrarsi sulla qualità, l’efficienza e interrelazione di tutti i progetti. I prossimi incentivi verranno indirizzati nel settore del: petrolio e gas e macchinari di estrazione, trasformazione dei prodotti alimentari e dei materiali da costruzione di produzione agroalimentare. Intorno a questi settori in grado di creare una rete di imprese collegate. L’idea del presidente e di arrivare dall’estrazione della materia prima alla produzione del prodotto finito. Il Kazakhstan nei prossimi cinque anni punterà allo sviluppo della piccola e media imprenditoria: «Abbiamo già risultati significativi nella creazione di un ambiente favorevole alle imprese. Il paese ha 800.000 piccole e medie imprese. In questo settore opera 2,4 milioni di kazaki. Negli ultimi cinque anni, il volume della produzione delle piccole e medie imprese è aumentato di 1,6 volte – da 4,9 miliardi di euro nel 2008-8300000000 tenge nel 2012. Così oggi, è importante valutare un nuovo ruolo e l’importanza delle piccole e medie imprese. E non solo per l’economia ma anche in tutto lo sviluppo del Kazakhstan. Piccole e medie imprese – è di nuovi posti di lavoro dignitosi» ha detto Nazarbayev. La road map per le PMI kazake sarà quello di: rafforzare l’istituto della proprietà privata; eliminare le regole che ostacolano lo sviluppo delle piccole e medie imprese in Kazakistan; rafforzare il ruolo della Camera Nazionale di imprenditori. Il presidente ha anche chiesto il completo allineamento per le PMI al secondo piano quinquennale “Business Road Map-2020”. Il Capo dello Stato ha detto che c’è la necessità di creare «una commissione speciale sotto l’amministrazione del Presidente sulla revisione del quadro giuridico per tutti i temi considerati per un ulteriore sviluppo del business, la creazione di incentivi fiscali e l’eliminazione degli ostacoli amministrativi». Il Presidente kazako ha inoltre incaricato le forze dell’ordine, in particolare, l’Ufficio del Procuratore generale di modificare la legislazione per garantire che vengano fatti i controlli aziendali e non si ripetano le vicende dei “falsi controlli”. Ha a che espresso la necessità di introdurre una norma sul fallimento “ben funzionante” per le PMI.

fonte Kazinform