Aumenta il fatturato estero kazako

53

KAZAKHSTAN – Astana 29/04/2014. A partire dal 2013, il fatturato del commercio kazako con la Russia e la Bielorussia ha superato i 24 miliardi di dollari.

Lo ha annunciato il primo viceministro dello Sviluppo Regionale, Kairbek Uskenbaev in una conferenza stampa svoltasi ad Astana il 29 aprile.
«La collaborazione dei tre paesi partecipanti allo spazio economico comune è incrementata» ha detto Uskenbaev . «Così, a partire dal 2013, il fatturato del commercio del Kazakistan con la Russia e la Bielorussia ha superato i 24 miliardi di dollari».
Uskenbaev ha sottolineato che l’enorme mercato dell’Unione economica eurasiatica apre grandi opportunità per i produttori kazaki: «Le merci con l’etichetta “Made in Kazakhstan” oggi devono andare non solo nel mercato nazionale, ma anche in quello internazionale».
Le esportazioni del Kazakhstan sono aumentate del 7 per cento nel 2011 e più di due volte nel 2013; un trend positivo si è registrato anche nell’esportazione dei prodotti agricoli.
«Le esportazioni di carne verso la Russia sono recentemente aumentate di oltre cinque volte, le farine di 16 volte e il pellame del 75 per cento», ha detto il vicepremier. «In generale, l’esportazione di prodotti del complesso agro-industriale kazako verso i mercati dei paesi dell’Unione doganale ha raggiunto 1 miliardo di dollari negli ultimi tre anni».
«I volumi degli scambi transfrontalieri tra il Kazakhstan e la Russia sono in rapida crescita in termini di integrazione, oltre il 40 per cento». «Abbiamo confini comuni con grandi città russe, come Omsk e Novosibirsk, dove la domanda di alimenti kazaki è in crescita. E allora è più conveniente per loro rifornirsi da noi che dalla Russia».
Uskenbaev ha ribadito che l’Unione doganale ha notevolmente ampliato lo spazio di mercato per la vendita dei prodotti kazaki. Le nostre esportazioni verso la Russia sono aumentate del 60 per cento nel 2011, e più che raddoppiate quelle verso la Bielorussia.