Militanti uccisi in Kashmir

49

KASHMIR – Srinagar. 28/11/14. Secondo l’agenzia di stampa Xinhua, la sparatoria di due giorni in Kashmir è ora sotto controllo il bilancio delle vittime è salito a 12 fonte funzionari indiani.

«Abbiamo ucciso il quarto militante oggi e la sparatoria è finita» ha detto il portavoce dell’esercito indiano all’agenzia di stampa cinese di base a Jammu, il Tenente colonnello Manish Mehta. «Nella sparatoria durata due giorni, cinque civili, quattro militanti sono stati uccisi e tre dei nostri soldati hanno dato la loro vita per difendere la patria combattendo questi militanti» ha aggiunto il portavoce. La sparatoria era in corso al momento in cui il primo ministro indiano Narendra Modi era arrivato nella città Udhampur per un comizio elettorale. Le autorità avevano assicurato adeguate misure di sicurezza nella città prima dell’arrivo del primo ministro, e da loro era arrivato l’allarme di militanti pronti a combattere. La città era stata circondata per difendere il primo ministro.
La sparatoria è scoppiata dopo che militanti pesantemente armati sono entrati in un bunker militare sotterraneo nel settore sub Arnia, vicino al confine tra India e Pakistan, a circa 45 km a sud ovest della città di Jammu, nella regione del Kashmir.
Dopo il loro ingresso, i militanti hanno ingaggiato uno scontro armato contro i militari indiani e hanno ucciso i loro tre soldati, tra cui un ufficiale oltre a ferirne altri quattro.
I soldati feriti sono in ospedale per le cure. Cinque civili e tre militanti sono stati uccisi ieri. L’esercito indiano giovedi è arrivato al bunker con i rinforzi, carri armati per prendere il quarto militante, fonte funzionari indiani. Anche se lo scontro si è fermato, non possiamo ancora annullare l’operazione”, ha detto Mehta. Il mese scorso, il settore Arnia ha sofferto a causa degli indiani, schermaglie di confine del Pakistan. L’emittente ufficiale dell’India All India Radio (AIR) ha detto che l’identità dei militanti uccisi e la loro appartenenza di gruppo deve essere accerta.
L’attacco di giovedi è venuto in un momento in cui i primi ministri di India e Pakistan partecipavano ad una due giorni per l’Associazione dell’Asia meridionale per la cooperazione regionale (SAARC) il vertice si tiene nella capitale nepalese Kathmandu per incrementare il commercio nel loro quartiere regionale. I militanti che sfidano il governo di New Delhi nella regione è in atto dal 1989. Le sparatorie tra i militanti e le truppe indiane avvengono in modo intermittente. Il Kashmir, è la regione himalayana divisa tra India e Pakistan, ed è rivendicata da entrambi i Paesi. Fin dalla loro indipendenza dalla Gran Bretagna, i due paesi hanno combattuto tre guerre, due per il Kashmir. Il mese scorso, ci sono stati scontri mortali tra le truppe di India e Pakistan hanno registrato lungo i 720 km di linea di controllo (LoC) e la 198 km lungo Frontiera Internazionale (IB) in Kashmir. Le due parti hanno subito 21 perdite (nove sul lato indiano e 12 sul lato pakistano) durante lo stand-off.