170mila migranti sbarcati in Italia

44

SVIZZERA – Ginevra 16/01/2015. Il numero di migranti e richiedenti asilo che arrivano in Italia via mare è aumentato di quattro volte nel 2014 salendo a circa 170mila persone, visto l’intensificarsi dei conflitti in Siria e in altri paesi.

Il dato è stato dato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) in un comunicato stampa rilasciato il16 gennaio. «Questi dati suggeriscono che i flussi sono legati al deterioramento delle molteplici e complesse crisi umanitarie vicine alle frontiere esterne dell’Europa, compresa la guerra in Siria (…) Molte di queste persone sono in fuga da guerre, persecuzioni e regimi totalitari». La Siria è ancora la principale fonte di immigrati che arrivano in Italia con 42.323 siriani arrivati nel 2014, seguita da Eritrea, Mali, Nigeria e Ghana. La maggior parte degli immigrati arrivano da Libia o Egitto.
Più di 3.200 persone sono morte in mare durante il viaggio verso l’Italia nel 2014, secondo il comunicato.
L’Oim chiede una risposta collettiva al problema della migrazione proveniente da tutti gli Stati membri, per attuare politiche concrete utili d affrontare il problema di essere redatte. «La migrazione può essere gestito solo dalla Ue nel suo complesso: la sua portata e complessità richiedono cooperazione e azione collettiva. Per questo motivo, l’Iom chiede la creazione di politiche concrete e programmi per migliorare la governance della migrazione e per evitare ulteriori perdite di vite umane» si legge nel comunicato stampa.