IMI, privatizzazione della difesa israeliana

55

ISRAELE – Gerusalemme. 01/10/13. La crisi economica non risparmia il settore delle armi, in ISraele da anni si sta cercando di alleviare i costi per lo stato della difesa con la privatizzazione elle aziende militari. La Israel Military Industries sta per essere privatizzata. Il governo sta cercando dal 2005 di dare vita alla privatizzazione ma non sono tutti d’accordo. Per il momento l’unica cosa certa è che i sindacati e il governo hanno raggiunto un accordo. Cosa per altro già avvenuta nel 2010.

 

La Israel Military Industries è uno degli ultimi colossi statali nel settore della difesa. Chi acquista la società erediterà una ricca gamma di tecnologie e prodotti e conti da mettere in ordine.

Nel 2008 Israel Military Industries, CEO Avi Felder, con la collaborazione dei rappresentanti sindacali, ha iniziato l’elaborazione di un piano per la privatizzazione della società. 

La società ha registrato negli ultimi due anni 500 milioni di NIS di perdite negli ultimi due anni.

Il problema sembrano essere gli esuberi. Troppi dipendenti per il mercato attuale. Secondo l’azienda sarebbero 950. Non solo, ci sono 75 milioni di NIS per il mantenimento in perdita di produzione che sono considerati strategici per gli interessi nazionali. 

Con l’iniezione di soldi privati l’azienda indenne rilanciare e per questo ha messo in atto un piano industriale recensito da società di revisione Ernst & Young fino al 2016. 

Proietta ricavi in ​​aumento a un tasso del 10% annuo, a 2,7 miliardi NIS, a causa di una crescita organica . Si prevede inoltre un aumento del 20 % del margine lordo di IMI ogni anno, sollevandola al 23 % nel 2016 dal 12 % di oggi, che è troppo piccolo per coprire la società di gestione, marketing e costi di ricerca e sviluppo .

La società aspira a raggiungere un margine di profitto netto del 6,5% nel 2016, un obiettivo ambizioso data la concorrenza spietata nel settore degli armamenti .

Ma per raggiungere questo obiettivo, l’IMI deve ricevere 20% al 30 % in più dei nuovi ordini che le sue vendite attualmente riflettono. Sarebbe inoltre necessario ridurre il numero di rami d’azienda da cinque a tre, migliorare l’informatizzazione e l’organizzazione.

La tabella di marcia di privatizzazione, che sarà presentata per l’approvazione da parte del comitato del Governo per la privatizzazione il 15 ottobre, dovrebbe risolvere il problema del libro paga della società. Lo stato depennerà a IMI 2,5 miliardi di NIS in prestiti e altri debiti finanziari , i 950 lavoratori saranno messi in mobilità ad un costo di 1 milione di NIS ciascuno, e sarà istituito un fondo di 830 milioni NIS al fine di garantire le prestazioni pensionistiche dei lavoratori veterano che soggiornano dopo la privatizzazione .

Nel frattempo, le strutture della società saranno spostate nella regione di Sharon a Ramat Beka nel Negev, una mossa questa che taglierà i costi fiscali visto che l’attuale sede è in una regione molto cara. 

Il terreno evacuato sarà in grado di ospitare decine di migliaia di unità abitative del valore di alcuni 20 miliardi di NSI, soldi di cui il governo ha bisogno per pagare i debiti che sta assumendo con la privatizzazione per decontaminare la terra. Il governo sta anche impegnandosi ad acquistare una certa quantità di attrezzature IMI per la sicurezza nazionale.