ISRAELE. Shin Bet arresta cellula terroristica gestita da Teheran

127

Israele ha annunciato di aver disarticolato una cellula palestinese sospettata di essere stata reclutata e gestita da ufficiali dell’intelligence iraniana che hanno lavorato dal Sudafrica.

Secondo la sudafricana Defence Web, lo Shin Bet ha detto che tre palestinesi della Cisgiordania erano stati accusati di spionaggio e di terrorismo dopo aver confessato di aver accettato incarichi assegnati dall’Iran, compresa la preparazione di un attentato suicida e la fornitura ai loro “gestori” di schede Sim israeliane. Nel suo comunicato, lo Shin Bet ha detto che il punto di contatto dei sospetti era un palestinese che viveva in Sudafrica ed era stato reclutato dall’intelligence iraniana. Non ha dato alcuna indicazione se il governo sudafricano fosse a conoscenza della presunta attività iraniana o del luogo in cui si trovava il palestinese.

Il Sudafrica, dove il sentimento filo-palestinese è forte, ha delle relazioni complicate con Israele, il comunicato dello Shin Bet lascia intendere che il paese sia effettivamente servito da centro di spionaggio iraniano. «Divenne chiaro, durante l’indagine Shin Bet, che l’intelligence iraniana utilizzava il Sudafrica come un’area significativa per localizzare, reclutare e gestire agenti anti-israeliani in Cisgiordania», ha detto lo Shin Bet, aggiungendo che diversi ufficiali iraniani si erano recati lì da Teheran per l’operazione.

Lo Shin non ha rivelato quando ha disarticolato la cellula palestinese o quando sarebbe iniziato il processo ai sospetti. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che il caso ha mostrato che «l’Iran opera in modo sovversivo e terroristico (…) non solo per aiutare gruppi terroristici come Hamas e Hezbollah e Islamic Jihad, ma anche nei tentativi di organizzare attività terroristiche all’interno dello Stato di Israele contro i suoi civili».

Lo Shin Bet non ha descritto nessuno degli attacchi o delle missioni di spionaggio programmate dai sospetti. Per lo Shin Bet il presunto collegamento sudafricano potrebbe essere senza precedenti; apparentemente gli iraniani hanno trovato terreno fertile in Sudafrica.

Luigi Medici