Funerali libanesi per Abdul-Malik al-Shami

47

YEMEN – Sanaa. 13/04/15. Lo Stato Islamico tramite una sua agenzia di stampa fa sapere di aver ucciso il leader spirituale Houthi, Abdul-Malik al-Shami.

Morto a seguito dell’esplosione nella moschea in Alhachouc, a Sanaa, dove hanno perso la vita più di 100 persone il 20 di marzo scorso. L’opposizione libanese sciita Hezbollah aveva una alta considerazione dell’ufficiale Shami. «Inoltre», si legge nella notizia diramata dallo Stato Islamico «vi è una correlazione tra gli Houthi e gli iraniani. In Libano sarebbe stato mandato il corpo di Abdul-Malik. Ai funerali dell’ufficiale saranno presenti personalità siriane, libanesi e iraniane. Le esequie si sono tenute oggi nella periferia sud della rocca forte di Hezbollah a Beirut. L’uomo sarà sepolto accanto alla tomba del comandante militare del partito del defunto Imad Mughniyeh. I sostenitori del partito sciita Hezbollah invita gli siti sui social networking, a partecipare a un addio Shami, e al suo funerale. Secondo il sito, Shami era emigrato 17 anni fa in Siria, per studiare con il permesso di Khomeini. A Damasco ha incontrato il fondatore del movimento Houthi Hussein al-Huthi. E il lavoro di al-Shami durante i suoi studi a Damasco era quello di attirare gli studenti yemeniti a studiare in  Libano, Siria e Iran. Al termine degli studi i ragazzi erano invitati a lavorare all’interno del movimento Houthi. Shami aveva il compito di istituire scuole in Yemen, è un ramo delle scuole Mustafa a Beirut, oltre alla formazione di framework di gestione unificata per seminari e scuole sciite in Yemen, e sarà il supervisore commissionata da Abdul-Malik. Per quanto riguarda il motivo di seppellire il leader yemenita Houthi in Libano e non nel paese dello Yemen, indica il sito per confermare che al-Shami si stava preparando per essere un religioso sciita in Yemen, questo accadimento mostra l’unità della pista sciita e la determinazione dal Libano alla Siria, Iraq e Yemen, sotto la bandiera del velayat-e faqih Iran, che è prima di tutto una considerazione nazionale, nazionale. È interessante notare che il movimento Houthi è stato superato, secondo gli osservatori della vicenda yemenita Zaidi setta prevalente in Yemen, che nell’ultimo anno si è fusa praticamente in Twelver sciismo sponsorizzato dall’Iran, e sembra che al-Shami era un riferimento per questa transizione il che spiega il grande interesse iraniano nella sua morte e poi il suo funerale, che si è riflesso, nell’interesse del partito Dio sciita lui.