ISIS vuole espandersi in Libano, Unifil nel mirino

52

LIBANO – Beirut. 26/02/15. ISIS sta progettando di espandere la propria presenza in Libano, con l’aiuto di fuggitivo Shadi Mawlawi. Fonte The Daily Star.

La notizia cita fonti di intelligence. Mawlawi è stato supervisore alla formazione di cellule ISIS nel quartiere Tawar di Ain al-Hilweh, in un campo profughi palestinese a Sidone. La formazione avviene anche sotto il controllo del cittadino siriano Ghazi Mahmoud R., nazionale palestinese Abdul Halim FS, nato a Burj al-Barajneh e il giordano-palestinese Hisham AA, noto come Mansour Amairah. Le relazioni dell’intelligence hanno aggiunto che Mawlawi e il predicatore latitante Ahmad al-Assir stanno coordinando per preparare le cellule ISIS, incaricate di effettuare attentati suicidi in numerose aree libanesi. Si pensa anche che Mawlawi sta ricevendo un sostegno diretto da un funzionario ISIS, Abdullah Ahmad Mashhadani, conosciuto con il suo nome di battaglia “Abu Qassem.” Mawlawi è attualmente nella lista dei più ricercati dell’esercito per il suo coinvolgimento in diversi attacchi contro i militari e per presunti collegamenti ad altri attacchi suicidi. Si crede che abbia lasciato la città settentrionale di Tripoli, quando l’esercito ha lanciato il suo piano di sicurezza nel mese di aprile 2014. L’esatta ubicazione di Mawlawi non è nota. Dopo il piano di sicurezza è stato lanciato, si credeva fosse fuggito a Ain al-Hilweh. Tuttavia, all’inizio di febbraio è stato riferito che Mawlawi ancora risiedeva in Ain al-Hilweh. I rapporti di intelligence affermano che ISIS rilasciato informazioni ingannevoli circa il luogo di residenza di Mawlawi per mettere fuori strada gli investigatori. Le informazioni acquisite dalle forze di sicurezza conferma che Mawlawi si trova nel quartiere di Ain tawarê al-Hilweh insieme ad un gruppo di islamisti. Mawlawi, secondo il rapporto, ha distribuito i soldi per arruola e sostenere simpatizzanti, nonché tenere i contatti diretti con i leader ISIS in Qalamoun. È stato supervisore di un gruppo che ha recentemente trasferito a Ain al-Hilweh da Tripoli. ISIS sta lavorando per reclutare estremisti e stabilire cellule in Libano con l’obiettivo di espandere la propria influenza nelle aree libanesi. Le reclute sono state per lo più giovani tra i 19 e i 25 anni, secondo fonti della sicurezza. Le reclute ricevono lezioni religiose guidate da sceicchi e attivisti nei villaggi libanesi. Un certo numero di reclute sospette sono attualmente perseguite, ha rivelato un rapporto di sicurezza. Tra di loro è un cittadino marocchino, noto per avere frequentemente visitato il campo Burjal-Barajneh, e due rifugiati che risiedevano a Sidone est che sono in fuga dalle autorità. Quest’ultimi ricevono ordini da Assir. Fonti interne a Ain al-Hilweh hanno detto che Assir aveva tra i suoi compiti l’osservazione dei peacekeeper dell’Unifil nel sud del Libano per compiere poi attentar contro di loro. ISIS, hanno aggiunto le fonti, ha preso una decisione recente di attivare le cellule dormienti in Libano. Guidato da Samih nazionale palestinese Riad T., un gruppo segreto con membri a Tripoli, Beirut, Damour e Sidone, è stato attivato per rilevare un numero di potenziali luoghi per lanciare attacchi. Si ritiene che Riad T. ha visitato la città West Bekaa di al-Marj, da dove ha preso tre cittadini siriani in un auto a Beirut. Questi sviluppi attuali hanno spinto l’ambasciata giordana a Baabda ad adottare rigorose misure di sicurezza, dopo le informazioni acquisite dalle agenzie occidentali ha riferito che l’ambasciata potrebbe essere il bersaglio di un attacco suicida orchestrato da membri ISIS, compresi i cittadini palestinesi e giordani. Circa 30 membri aggiuntivi dell’intelligence giordana sono stati recentemente assegnati all’ambasciata, hanno riferito rapporti di sicurezza. I membri avranno il compito di proteggere il sito e diplomatici giordani lavorano in Libano. Il rapporto spiega che la Giordania ha recentemente potenziato le sue attività in Libano, intensificando il suo lavoro all’interno del campo profughi di Ain al-Hilweh e altri campi palestinesi in tutto il paese. Sono state attivate le cellule informatori palestinesi che lavorano a stretto contatto con servizi segreti giordani. Le cellule saranno monitorare gruppi estremisti in campo e riferire ogni volta che ci sono progetti in corso di tratteggiata per attaccare l’ambasciata o interessi giordani. Separatamente, le forze di sicurezza sono alla ricerca di un colore grigio 535 BMW con la targa 133.355 / B. Rapporti di sicurezza ha avvertito che il veicolo può essere usato in un attacco terroristico. Il rapporto ha anche affermato che ISIS stava progettando di colpire altre ambasciate in Libano.

Tre pericolosi membri ISIS-linked sono stati identificati come Ahmad Abed al-Tawab e Ismail Chouqeiri, che si ritiene di poter lavorare con un altro uomo di nazionalità libanese Khaled al-Razy. Fonti della sicurezza informate hanno detto che le ambasciate saudite e giordane sono ad alto rischio attacchi doppi suicidi orchestrati da Tawab e Chouqeiri.