Turchia: resteremo in Iraq

50

TURCHIA-Ankara. 09/01/2016. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan rispondendo alle domande dei giornalisti sui fatti accaduti al Campo Ba’shiqah vicino a Mosul, nel nord dell’Iraq, ha detto che: «c’è la volontà dei nostri ufficiali responsabili di individuare ogni infiltrazione o attacco al campo, rimarremo in loco».

Erdogan ha ribadito che le truppe turche si trovano in Iraq a seguito di una richiesta del governo iracheno di formare le truppe irachene: «Come ho già detto, le nostre truppe che sono al campo, hanno il solo scopo di proteggere i nostri funzionari e ai nostri dipendenti che offrono formazione». Erdogan avrebbe chiesto di discutere l’accaduto con il governo iracheno. Le relazioni tra Iraq e Turchia hanno cominciato a sfibrarsi dopo che la Turchia ha abbattuto il caccia russo il 24 novembre sul suo spazio aereo. Nel campo Ba’shiqah vicino alla città di Mosul sarebbero morti 17 combattenti di ISIS, impreciso il numero die morti tra le forze turche e irachene 8.