1700 giovani russi tra le fila di ISIS

60

RUSSIA – Mosca. 27/02/15. La settimana scorsa il capo del Servizio di Sicurezza Federale (FSB) di Russia Alexander Bortnikov, durante la conferenza sulla lotta contro l’estremismo di Washington, ha detto ai giornalisti che, secondo il FSB, nelle file dei militanti in Siria e in Iraq vi sarebbero circa 1.700 russi.

Il riconoscimento del FSB è importante, data la tendenza di understatement sulle persone di nazionalità russa coinvolte nei conflitti armati in Siria. Il numero dei combattenti russi sale così da 200 (stima del giugno 2013) a 1700. Molti, se non la maggior parte dei cittadini russi, che prendono parte alle ostilità in Siria sono nativi delle repubbliche del Caucaso del Nord. Il dato è emerso dal monitoraggio dei social dove gli stessi jihadisti hanno dichiarato le loro generalità.
Dopo questa dichiarazione di Alexander Bortnikov, il quotidiano russo “Argomenti e Fatti” (AMF) il 24 febbraio ha pubblicato un articolo, un’inchiesta, che fornisce informazioni su come i russi che si sono uniti ai ribelli in lotta in Medio Oriente, e che cosa li ha spinti a farlo. A farla da padroni i cittadini del Caucaso del Nord. Come per esempio dalla Karachay-Cherkessia: secondo un funzionario del luogo, dice la testata rus.azattyq, il fnomeno non è nuovo sono diversi anni che i giovani partono per combattere in Siria. «La maggior parte dei combattenti in Siria sono giovani fino a 30 anni. Il nativo più giovane del nostro paese, che si trova lì, ha appena compiuto diciassette anni. I suoi genitori lo mandarono a studiare in Egitto, e di recente hanno appreso che è stato ucciso in Siria. Si è scoperto il ragazzo ha studiato solo pochi mesi, è stato subito reclutato dall’Egitto ed è andato alla Turchia, ha attraversato il confine ed è andato a combattere». Fa sapere il funzionario. I media russi hanno riportato diversi casi in cui i giovani del Caucaso del Nord, che studiavano in Egitto, sono stati reclutati e mandati a combattere in Siria. Per esempio un 22enne residente di Kabardino-Balkaria, Murat Nagoev è stato condannato a quattro anni di carcere a novembre dopo il ritorno a casa. Come spesso accade nei paesi non arabi, i reclutatori gruppo “Stato islamico” nel territorio dell’ex Unione Sovietica, non sono concentrati sui giovani socialmente svantaggiati. Heda Saratov, presieduta da un’agenzia di informazioni analitiche indipendenti “Obiettivo” nella capitale cecena, ha detto al giornale FIA ​​che ISIS attira anche giovani della classe sociale media.
Secondo Kheda Saratov, ora la situazione è complicata nel quartiere Staropromyslovskiy della Cecenia, dove il tenore di vita è molto basso. «Ma la scorsa notte due nonne mi hanno chiamato dal Daghestan perché la loro nipote,18 anni, una studentessa del secondo anno dell’Accademia Medica, è partita per la Siria. La ragazza appartiene a una famiglia benestante. Quindi il benessere sociale – non è un indicatore» ha detto l’analista Saratov. L’attivista per i diritti umani Oleg Melnikov, capo della “Alternative”, che è contro il lavoro forzato e ha partecipato ai (senza successo) colloqui con i ribelli siriani del gruppo “Liwa al-Tawhid” per la liberazione dell’ostaggio russo Konstantin Zhuravlev, ha detto al giornale che un ragazzo dal Kazakistan ha aderito a ISIS. Il padre del giovane si era rivolto alla sua lorganizzazione più di un anno fa. Il padre è un funzionario. «Il figlio è andato a studiare a Mosca all’università, via Internet ha incontrato una ragazza, si è convertito all’Islam, ha cambiato il suo nome, ha tagliato i legami con la sua famiglia ed è sparito. Il padre fatto diversi viaggi verso la capitale, ha parlato con i suoi ex amici, ha visitato una moschea in cui il figlio è andato a pregare, dove gli hanno detto: “Non cercarlo qui, è stato a lungo in Siria”» ha detto Oleg Melnikov. Secondo Melnikov, i giovani e gli studenti sono un facile bersaglio per i reclutatori, per convincerli della necessità di combattere “per un futuro brillante” e migliore. Melnikov sostiene che la maggior parte dei giovani reclutati a Mosca sono lavoratori migranti, provenienti dall’Asia centrale.
La ricercatrice Heda Saratov ha detto al giornale FIA ​​che entrare in Siria per le reclute russe è abbastanza semplice: «Basta andare in Turchia e poi oltre il confine. Ma tornare è molto difficile». Una volta entrati nello Stato Islamico vengono confiscati i passaporti e i “traditori” vengono giustiziati. Difficile mantenere i contatti con la famiglia. Ma a volte riescono a tornare. I genitori seguono le orme dei suoi figli. Ogni storia è come operazione speciale. Attraverso la nostra organizzazione sono rientrati cinque ragazzi, in tutta la Russia sono rientrati in 27», dice Heda Saratov. Un giovane ceceno andato in Siria a combattere, ferito, via Turchia, è rientrato a casa. Ha esortato i giovani a non partire. Sta scontando una condanna di due anni. (ridotta a 8 mesi).