ISIS ucciderà i poliziotti libanesi

52

LIBANO – Beirut. 20/12/14. Un jihadista francofono ha minacciato venerdì di uccidere soldati libanesi tenuti in ostaggio da parte dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria di gruppo (ISIS), sostenendo che la responsabilità di tale gesto è da imputare a tre politici libanesi anti-ISIS.

La minaccia è stata fatta in un video mostrato anche dalla AFP che lo ha ottenuto dall’imam salafita Wissam al-Masri, che sta mediando la liberazione di 25 poliziotti e soldati detenuti da ISIS e dal ramo siriano di al-Qaeda, il Fronte al-Nusra.
Nel mese di agosto, la città di confine libanese Ersal ha visto una feroce battaglia in cui l’esercito regolare ha affrontato ISIS e il Fronte al-Nusra arrivati dalla Siria in Libano. Negli scontri sono morti 16 soldati e 85 sono stati i feriti, decine di jihadisti si dice che siano stati uccisi, insieme a tre civili. La tregua è arrivata dopo l’intermediazione dei religiosi ma ISIS ha preso con se 29 ostaggi. Da allora, ISIS ha decapitato due soldati e al – Nusra ne ha uccisi due.
Il 7 dicembre, il Qatar ha interdetto le trattative sostenendo di essere impotente e ammettendo il fallimento delle trattive. Da allora, l’Autorità studiosi musulmani, un sindacato indipendente di studiosi musulmani sunniti, ha sostituito nella mediazione con i militanti. Il video di ISIS è stato girato in un campo con le colline sullo sfondo, mostra tre uomini in divisa blu, in ginocchio di fronte a un combattente in possesso di un coltello.
L’oratore non identificato indossava un cappuccio mentre i volti dei suoi compagni erano scoperti. L’oratore ha attaccato tre politici libanesi – Il primo ministro e leader del movimento “Futuro”, Saad Hariri; destra libanesi capo delle Forze Samir Geagea; e il leader Partito socialista progressista Walid Jumblatt – per quello che ha detto era il loro sostegno per il movimento di resistenza libanese Hezbollah, che è alleato con il presidente siriano Bashar al-Assad.
Hezbollah ha inviato migliaia di combattenti in Siria per combattere i gruppi jihadisti che sono stati impegnati in battaglie con l’esercito siriano per oltre tre anni. «Per gli alleati della Francia in Libano – Hariri, Geagea e Jumblatt – lo Stato islamico è in guerra con Hezbollah, che vuole intromettersi negli affari dei musulmani in Shams (Siria) e ha ucciso le nostre donne e i nostri bambini», dice il militante nel video. «Siete dei criminali ma ai vostri crimini oggi si aggiunge la collaborazione con Hezbollah e la vostra trasformazione dell’esercito libanese in un semplice burattino nelle mani di Hezbollah, con cui opprimete i sunniti». «Voi siete responsabili del destino dei vostri concittadini. Il loro futuro, la loro vita e la morte, dipende dalla vostra prossima decisione», ha detto l’oratore senza fare richieste specifiche. I jihadisti, nei mesi scorsi, hanno chiesto il rilascio di ostaggi di prigionieri islamisti in cambio dei militari libanesi. Masri ha detto alla AFP che aveva incontrato con i leader ISIS giovedì a Qalamoun, Siria, vicino al confine libanese e ha visitato 9 soldati. «Due di loro sono in uno stato molto fragile di salute», ha detto. La scorsa settimana, il primo ministro libanese, Tammam Salam, ha detto che 16 poliziotti e soldati erano ancora detenute da al- Nusra, e nove ISIS. «Abbiamo cercato di negoziare con loro … ma le cose sono molto difficili». Il ministro della Salute Wael Abu Faour ha detto alle famiglie dei soldati libanesi rapiti che “i negoziati sono a zero,” ore dopo che i militanti hanno minacciato di eseguire uno dei 25 prigionieri.