Iraq la disoccupazione schizza al 25%

64

IRAQ – Baghdad. 04/03/15. Come conseguenza della instabilità politica e la crisi finanziaria in Iraq, più di un quarto della popolazione è senza lavoro. In una conferenza stampa a Baghdad Domenica, il ministro del Lavoro e degli affari sociali Mohammed Shayaa al-Sudani, ha detto, «Attualmente, il tasso di disoccupazione in Iraq è passato il 25%».

L’instabilità e la violenza in corso nel Paese sono i principali fattori di crescita del numero dei senza lavoro, e il ministro ha invitato i funzionari iracheni ad affrontare la questione. Le statistiche pubblicate dal Ministero del Commercio iracheno indicano che l’Iraq ha una popolazione di quasi 36 milioni di persone, due milioni dei quali sono sfollati interni a causa del conflitto con lo Stato islamico. Nel mese di luglio 2014, la pianificazione ministero iracheno ha riferito che «il tasso di disoccupazione nel paese era del 16%». Il ministero ha chiesto a vari settori di creare nuove opportunità di lavoro. Tuttavia, una volta che il prezzo del petrolio è sceso sul mercato mondiale, e Mosul è passata nelle mani dei militanti stato islamico, migliaia di persone si sono ritrovate senza lavoro.