Isis, l’Indonesia prossimo califfato?

70

ITALIA – Roma. 17/04715. È iniziata via social la campagna di conquista virtuale da parte dello Stato Islamico sull’indonesia.

A  partire dal 12 di aprile si sono moltiplicati gli account social, goole plus, twitter dedicati ai cittadini indonesiani che hanno deciso di appoggiare o aderire a ISIS. Sono nati dei canali appositi che divulgano il materiale dello stato islamico e le riviste ufficiali. A fianco a questa comunicazione spinta vi è la messa in onda del primo martire indonesiano a testimoniare il valore del popolo indonesiano per la crescita dello Stato Islamico. Se ISIS dovesse attecchire in Indonesia la sua “forza” aumenterebbe in maniera esponenziale. L’Indonesia oltre ad essere un paese con una stima di crescita demografica dell’1,9% e raggruppando molte etnie diverse, ha una popolazione di 238.400.000 con una età media di 27 anni, (targhet di ISIS) a prevalenza musulamana 53% sul totale di cui il 99% sunnita. Un terreno fertile dunque per ISIS che si dice “unico” possessore della verità e del messaggio Allah. Inoltre non trascurabile il fatto che le isole che compongono l’Indonesia, sono più di 17.000, suddivise in 34 province che si affacciano su Malesia, Timor Est, Papua Nuova Guinea. Non molto lontano dall’Australia altro paese fortemente minacciato da ISIS.