GAFI: ISIS si può fermare con il taglio dei finanziamenti

88

TAJIKISTAN – Dushanbe, 04/03/15. Secondo il GAFI, ISIS ottiene la maggior parte dei propri ricavi attraverso attività criminali e di estorsione. A pubblicare parte del rapporto Asia-Plus.

Il terrorismo è un problema sempre più globale che richiede un’azione globale concertata da una comunità internazionale unita. Lo Stato islamico dell’Iraq e il Levante (ISIL o ISIS) è fenomeno mostra un nuovo tipo di organizzazione terroristica con flussi di finanziamento unici che sono cruciali per la sua attività; tagliare questo finanziamento è quindi di fondamentale importanza. Il Gruppo di azione finanziaria sul riciclaggio di capitali (GAFI) il mese scorso, il 27 febbraio scorso, ha pubblicato un rapporto sul finanziamento dello Stato islamico l’organizzazione terroristica in Iraq e il Levante (ISIL o ISIS). «Questo rapporto è significativo e contribuirà al dibattito internazionale per aggiornare gli sforzi globali per combattere il finanziamento del terrorismo» scrive Asia Plus. Il rapporto dimostra che ISIS essenzialmente vive di capitali illecitamente generati dal territorio che occupa, principalmente da saccheggi di banche, sfruttando giacimenti di petrolio, rapine e furti di beni economici. ISIS può essere soffocata frustrando la sua capacità di generare fondi da tali attività e impedendole di ottenere finanziamenti da altre fonti e attività. Utilizzando le conclusioni della relazione GAFI sulle fonti e le modalità di finanziamento di ISIS, la FATF e gli organismi regionali FATF-stile (FSRBs) lavoreranno insieme con le organizzazioni internazionali per elaborare proposte per rafforzare tutti gli strumenti di finanziamento antiterrorismo e di riferire al G20 entro ottobre 2015. ISIS, definita dal GAFI successore di Al-Qaeda in Iraq (AQI), ha minato la stabilità in Iraq, la Siria e il Medio Oriente allargando il consenso attraverso i suoi atti terroristici e crimini contro l’umanità, ed è una minaccia immediata per la pace e la sicurezza internazionale. Prima dell’espansione di ISIS in alcune parti dell’Iraq e della Siria, il gruppo (e il suo predecessore, AQI) ha beneficiato di una rete di collaboratori in Siria, che ha utilizzato per facilitare le sue conquiste in Iraq. «ISIS perseguita individui e intere comunità sulla base della loro identità, dissenso, rapisce civili, le forze di spostamento delle comunità e dei gruppi minoritari, uccide e mutila figli, violenta le donne e commette altre forme di violenza sessuale, insieme con l’esercizio di numerose altre atrocità». Si legge nel rapporto. La relazione rileva che ISIS rappresenta una minaccia terroristica globale che ha reclutato migliaia di combattenti stranieri terroristici (FTFs) in Iraq e Siria da paesi diversi in tutto il mondo e ha acquisito la tecnologia e le altre risorse per diffondere la sua violenta ideologia estremista e incitare atti terroristici. ISIS cerca di cambiare l’ordine politico soprattutto in Medio Oriente, attraverso la sua ideologia estremista e la violenza terroristica e mira a portare le regioni musulmane abitate del mondo sotto il suo controllo politico, a cominciare con l’Iraq e il Levante. ISIS ottiene la stragrande maggioranza dei suoi ricavi attraverso attività criminali e di estorsione locali nel territorio in cui opera, che presentano sfide uniche per la comunità internazionale, ma presenta anche una base di ricavi che passa per fonti alternative di reddito o conquistando nuovi territori. A differenza di core-AQ, ISIS attualmente deriva una parte relativamente piccola parte dei propri fondi da donatori deep-pocket (rispetto alle sue altre fonti di reddito), e quindi non dipende principalmente sul trasferimento di denaro attraverso le frontiere internazionali per questo scopo. ISIS, si legge sempre nella relazione del GAFI, è organizzata gerarchicamente e ricrea la struttura di leadership di alto livello.
ISIS guadagna principalmente da cinque fonti, elencati in ordine di grandezza: 1) i proventi illeciti di occupazione del territorio, come le rapine in banca, estorsioni, il controllo dei giacimenti di petrolio e raffinerie, e la rapina dei beni economici, la tassazione illegale di beni e contanti prelevati dal territorio di transito dove ISIS opera; 2) sequestro a scopo di estorsione; 3) le donazioni, attraverso anche le organizzazioni senza scopo di lucro; 4) sostegno materiale come il supporto associati con FTFs; e 5) la raccolta di fondi attraverso le reti di comunicazione moderne. Riconoscendo l’importanza delle risorse energetiche come fonte di reddito affidabile e sostenibile, ISIS cerca di operare sfruttando le infrastrutture petrolifere locali, sottolineando il suo desiderio di acquisire e utilizzare risorse e competenze esistenti piuttosto che distruggerle. Tuttavia, ISIS non è in grado di gestire efficacemente tali attività a causa della mancanza di risorse e capacità tecniche. Operando in ampie fasce di territorio in Siria orientale e in Iraq occidentale e settentrionale ISIS controlla numerosi giacimenti di petrolio da cui continua a estrarre petrolio ad uso e consumo proprio, dalla raffinazione alla vendita, allo scambio per i mercati locali e regionali. Tra i profitti più elevati la vendita diretta ai locali. La parte restante dei proventi del petrolio di ISIS deriva dalle vendite passano attraverso intermediari e contrabbandieri che commerciano e trasportano i prodotti petroliferi per venderli poi alla vendita agli utenti finali all’interno del territorio in cui ISIS opera e alle aree circostanti, tra cui la Siria come notato da varie delegazioni.

Interessante riscontrare che le conclusioni del GAFI sono le stesse che AGC COMMUNICATION scrive nel Testo LO STATO ISLAMICO, pubblicato nel novembre 2014. 

Il Financial Action Task Force (FATF) è un organismo intergovernativo indipendente che sviluppa e promuove politiche per proteggere il sistema finanziario globale contro il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e il finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa. Le raccomandazioni del GAFI sono riconosciuti come l’anti-riciclaggio di denaro a livello mondiale (AML) e il finanziamento antiterrorismo (CFT) standard.