Cronaca di guerra dallo Stato Islamico

41

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai. 24712/14. L’esercito americano ha confermato che le forze della coalizione hanno attaccato l’organizzazione “Daash” in quattro raid vicino a Sinjar, nel nord dell’Iraq, sostenendo di aver ucciso membri dell’organizzazione e le unità tattiche, edifici e veicoli. Tra le altre città irachene mirati dai bombardamenti aerei di Tal Afar, Ramadi, Mosul e Baiji. Diverso il risultato delle battaglie secondo lo Stato Islamico che mostra video in cui vengono uccisi soldati curdi a Sinjar, foto delle bandiere nere issate a Ramadi, Tel Afar. Lo Stato Islamicco dai supi twitter lamenta forti persite tra i civili. Fonte al-arabiya.

Le forse alleate sostengono di avere il controllo della zona Sinjar grazie all’impegno dei curdi che hanno completato la loro missione di espellere i militanti estremisti dalle zone che erano sotto il loro controllo di “Daash” dallo scorso giugno vicino alla città di Mosul.
Secondo fonti curde, la prossima battaglia sarà nelle aree di pianura di Ninive il presidente del Kurdistan iracheno Peshmerga ha espresso la disponibilità a partecipare alla guerra contro gli estremisti Ninive.
In Tal Afar, Mosul, che si trova a circa 70 chilometri, arrivano notizie contrastanti circa la conquista dell’aeroporto dagli estremisti, mentre testimoni hanno riferito molti combattenti sarebbero rimasti uccisi dagli attacchi aerei e per mano dei pashmerga. Il campo Kazak che si trova all’incrocio tra l’Afar e Mosul e Aouinat è assediato dalle forze peshmerga, le strade sarebbero pericolose in quanto Daash (IS) ha messo le mine.
Da parte sua, il governatore di Salahuddin ha riferito che vi sarebbe una battaglia in corso e gli estremisti sarebbero entrati nella città. IS controlla i lati est e ovest dietro la raffineria
stanno arrivando i rinforzi da da Baghdad per risolvere la battaglia.
Infine Ramadi, provincia di Anbar, dove le forze di sicurezza e tribali sono riusciti a ripristinare la situazione dopo un assedio di 4 settimane.