ISIS chiude la diga sull’Eufrate

12

TAJIKISTAN – Dushanbe.07/06/15. Secondo la testata Asia Plus, i militanti dello Stato Islamico hanno chiuso le porte di una diga sul fiume Eufrate in Iraq occidentale, riducendo l’acqua e dando loro una maggiore libertà di movimento per attaccare le forze governative a valle sulla sponda meridionale. Il giornale cita la Reuters.

I funzionari locali sono stati citati come fonte, secondo questi, i militanti hanno reindirizzato il flusso di acqua a loro vantaggio sul campo di battaglia intorno alla città di Ramadi. Ma la tattica può influire anche sulle province del sud con la siccità e l’acqua è stata ridotta a livelli preoccupanti, dicono i funzionari. L’Eufrate ha agito come una barriera tra i militanti che controllano il territorio e le forze filo-governative del nord che cercano di avanzare verso Ramadi dall’altro lato. Un portavoce del governatore della provincia di Anbar, di cui Ramadi è la capitale, ha detto che le forze di sicurezza dovrebbero posizionarsi lungo il fiume per evitare che i ribelli si infiltrino.
«In precedenza dovevano monitorare solo i ponti e alcuni settori, ma ora tutto il fiume sarà attraversabile» ha detto Hikmat Suleiman. Indicando che in questo modo sarà più facile per ISIS gestire spostamenti tra una riva e l’altra del fiume e agire in maniera indisturbata. Gli abitanti di Ramadi e un funzionario locale hanno detto che l’acqua fluisce abbondantemente ma ISIS ha lasciato due dei cancelli della diga aperta, evidentemente per evitare le zone di allagamento sotto il loro controllo a monte. La chiusura parziale della diga Ramadi ha mandato più acqua in un affluente a sud verso il lago Habbaniya, hanno detto i funzionari. Falih al-Essawi, un ufficiale della sicurezza provinciale senior, ha detto che il governo aveva aperto un’altra diga per canalizzare l’acqua dal lago Habbaniya indietro nel Eufrate e prevenire la carenza nelle province meridionali. Ma ha detto che questa era solo una misura temporanea che non sarebbe efficace per più di tre giorni.
«Il governo deve agire immediatamente in caso contrario conseguenze disastrose e una catastrofe ambientale sarà inevitabile», ha detto.