Sinjar : yazidi in fuga riconsegnati a ISIS

59

IRAQ – Mosul. 12/09/14. Gli abitanti arabi della zona Sinjar hanno dichiarato che circa 100 tra donne yazidi e bambini in fuga da IS sono stai catturati.

A darne notizia Bas News, che cita il portavoce dei Peshmerga, Halgord Hikmat, il quale ha dichiarato che migliaia di Yazidi sono stati rapiti da militanti dello Stato islamico, un centinaio di loro era riuscito a fuggire verso il monte Sinjar. Al loro arrivo sulla montagna, sono stati arrestati dagli abitanti arabi della zona e rimandati in carcere. «Ci sono circa 1000 Yazidi rapiti. I militanti dello Stato Islamico li hanno distribuiti tra Mihrab e Qzl Quito, a quanto si apprende 20-30 yazidi sono stati inviati in ogni casa», ha detto Hikmat a BasNews. «A causa delle incursioni aeree degli Stati Uniti su quelle aree controllate dai ribelli IS, 100 persone, tra quelle rapite, tra cui donne e bambini, sono fuggiti verso la montagna del Sinjar ma gli abitanti della zona sostengono lo Stato islamico, e hanno arrestato i fuggitivi e inviati di nuovo a IS», ha detto Hikmat.  Recentemente, un Membro del Parlamento di Baghdad, yazida, Vian Dakhil ha dichiarato che 79 famiglie yazidi l’hanno contattata. Le famiglie, in media sono composte da 6 o 7 membri, le hanno detto che sono intrappolati nei villaggi vicino a Tal Afar, Mosul e hanno disperatamente bisogno di aiuto. «Abbiamo informazioni che le ragazze venivano separati dalle donne più anziane. Poi vengono venduti per circa 150 dollari. 300 ragazze sono state vendute a 300 dollari, ha detto Dakhil ad una conferenza di pace svoltasi a Bruxelles. «Il KRG ha aiutato i rifugiati per quanto possibile, ma non può fare di più. La gente della regione del Kurdistan ha aiutato i rifugiati, soprattutto le persone della provincia di Duhok. I curdi non hanno fatto alcuna distinzione tra musulmani o Yazidi, hanno aiutato tutti bisognosi», ha aggiunto Dakhil. La regione del Sinjar a prevalenza yazidi è stata presa il mese di giugno da IS molti sono fuggiti verso il Kurdistan.