Minacce IS alla Georgia

54

GEORGIA – Tbilisi 19/01/0215. «Vi prometto che vi faremo chiedere pietà in ginocchio». È questa la minaccia contro il suo paese lanciata dal ventisettenne mujahid dello Stato islamico di nazionalità georgiana, Tamaz Chagalidze, attraverso ilsocial network russo “Compagni di scuola” (Odnoklassniki).

«Attenzione! Mi riferisco a tutti quelli che in Georgia sbagliando, hanno fatto qualcosa contro l’Islam e i musulmani partecipando alle missioni Nato in Iraq, in Afghanistan, in Africa, o in Georgia, a Lapankuri, Pankisi, Guria, Adjara, Javakheti, o in altre regioni. Noi ricordiamo tutti i fatti e conosciamo tutti i vostri nomi. Sappiamo tutto del servizio modello Kgb che insulta i nostri fratelli. Sappiamo tutto quello che avete fatto. Per tutto questo rispondete con il sangue degli infedeli. State attenti! Non tentate di sollevare la vostra mano su un fratello musulmano, o su un qualsiasi ceceno, o non parlate di nessun argomento, che riguardi l’Islam, o un giorno, quando la Georgia avrà le sue bandiere nere, non troverete dove andare. Vi prometto che vi faremo chiedere pietà in ginocchio! Il Patriarcato ha creato molti problemi a Adjara e Ajarians vi siete messi in una posizione tale che vi dispiacerà non essere nati rettili. Per Allah, vi pentirete amaramente di tutto il male, ne risponderete col vostro sangue. C’è una possibilità per tutti i cittadini: riconoscere e sottomettersi al Califfato islamico» afferma Tamaz Chagalidze.