IRAQ. Si apre la corsa per le prossime elezioni provinciali 

41

Grande attenzione sui social per le prossime elezioni regionali in Iraq. Alcuni blocchi politici fanno sapere di voler chiedere la sostituzione dell’attuale Commissione Elettorale per evitare frodi elettorali a livello locale come già avvenuto in passato. Altro problema sollevato in questo caso dal direttore dell’ufficio del presidente del Movimento della Saggezza, Salah al Arabawi, è la compravendita di seggi nei consigli provinciali che, secondo il politico, sarebbe arrivata oltre i 500 mila dollari per seggio.

Finora i conflitti politici a livello statale non hanno fatto altro che peggiorare la situazione a livello regionale paralizzando i governi locali. Assumono quindi vitale importanza le prossime elezioni sia per la componente politica che quella popolare che soprattutto nel sud del paese continua a chiedere le dimissioni degli attuali governatori e dei consigli provinciali. Tra le province più colpite dalla cattiva gestione dei consigli si confermano Bassora, dove continuano anche oggi le manifestazioni per la richiesta di servizi e lavoro, il Wasit dove si sono registrati anche attacchi contro i politici locali, e la provincia di Muthanna che con l’attuale crisi dell’acqua potabile si avvia lungo lo stesso sentiero di Bassora.

Tornando a parlare della neo-approvata legge di Bilancio per il 2019, il governo regionale del Kurdistan ha dichiarato che il nuovo budget federale contiene cambiamenti positivi ed è migliore dei precedenti budget. Tale cambio di strategia volto a favorire la provincia del Kurdistan da parte del primo Ministro Adel Abdul Mahdi ha però provocato l’ira delle altre province irachene e fonti di stampa riferiscono del lancio di un movimento da parte di alcune province per fare ricorso sulle allocazioni del budget federale a discapito della quota del Kurdistan. 

Rimanendo nel Kurdistan, per quanto ai più sembra che tra gli accordi segreti presi tra il Premier iracheno e i blocchi politici curdi ci sia stata l’approvazione del ritorno delle forze curde nella provincia di Kirkuk, il Segretario Generale del Ministro dei Peshmerga nel governo regionale del Kurdistan, Jabbar Yawar, ha rivelato in una dichiarazione alla stampa che non vi è alcuna decisione ufficiale sul ritorno delle forze Peshmerga in nessuna delle aree contese, compreso Kirkuk.

Redazione