Shell investe in Iraq, 50.000 posti di lavoro nel petrolchimico

62

IRAQ – Bassora. 28/01/15. Alsumaria News, agenzia di stampa ha battuto la notizia secondo cui, dal settore petrolchimico arriveranno 50.000 posti di lavoro. A dirlo in una nota per la stampa il Ministero dell’Industria, secondo cui i profitti dal progetto petrolchimico saranno di 110 miliardi dollari, e 50.000 i posti di lavoro.

«Bassora sarà l’incubatore Industrie della plastica» ha detto il sottosegretario Adel Muhsin in un’intervista per “Alsumaria News”, a margine della firma del contratto siglato tra il Ministero dell’Industria per il governo e Shell International. L’azienda beneficerà per un anno di un miliardo di dollari, mentre gli utili raggiungeranno durante i lavori dell’ampliamento dell’area del petrolchimico di 70miliardi di dollari fino ad arrivare a  110 miliardi di dollari, “notando che” il progetto sarà il quarto più grande progetto al mondo.«Il progetto, che sarà attuato nell’arco di cinque anni porterà a una quantità di produzione di 1.000.800 tonnellate l’anno», ha continuato il sottosegretario sottolineando che «il progetto occuperà tra 10-30.000 persone durante la costruzione e più di 50.000 persone per il manifatturiero». E poi ha continuato: «la provincia di Bassora sarà un incubatore per i tubi e tessuti di plastica Kalpolstr», sottolineando che «le aziende globali hanno il desiderio di lavorare in Iraq e che le stesse aziende internazionali firmeranno contratti con loro durante l’ultimo periodo per la creazione di progetti petrolchimici e fertilizzanti a Bassora e nelle altre province irachene».  Il contratto tra il Ministero dell’Industria con Shell International prevede investimenti per 11 miliardi  di dollari per produrre l’amido per le industrie petrolchimiche negli impianti di Bassora.