IRAQ. Oltre 80 violazioni della libertà di stampa in Kurdistan

85

L’Organizzazione per la pace e la libertà, Pfo, ong che vigila sul rispetto dei diritti umani, ha dichiarato di aver registrato 83 gravi violazioni della libertà di espressione nella regione del Kurdistan iracheno nel corso del 2019. L’organizzazione ha pubblicato il suo rapporto annuale, che copre gli incidenti che si sono verificati fino alla fine di novembre.

Le violazioni individuate dal gruppo sono state commesse contro un totale di 151 persone, tra cui attivisti e giornalisti a Sulaymaniyya, Erbil, Duhok e Kirkuk. Undici di queste persone sono state identificate come donne: 40 incidenti si sono verificati a Sulaymaniyya, 22 a Erbil, 16 a Duhok e 5 a Kirkuk, ha detto Pfo, ripresa da Nrt e Ekurd Daily.

Sul totale, 63 violazioni sono state commesse da membri delle forze di sicurezza o guardie della regione. Il giornalista Hemin Mamad ha detto di essere stato arrestato tre volte per aver coperto le proteste e aver pubblicato un rapporto che criticava il governo: «Le statistiche sono molto pericolose, soprattutto con questo governo. È diventato un governo militare», ha detto, riferendosi al governo del primo Ministro Masrour Barzani, formatosi durante l’estate.

Il membro dell’Organizzazione per la Pace e la Libertà Rebwar Ahmed ha detto che attivisti e giornalisti continuano ad affrontare minacce e violenze fisiche per aver espresso opinioni critiche o aver condiviso fatti imbarazzanti per i potenti della regione del Kurdistan: «Il governo e le istituzioni collegate non riescono a vedere che la libertà di espressione fa parte dei diritti fondamentali del popolo e gli attivisti e i giornalisti devono sempre affrontare la minaccia di essere uccisi per questo».

A maggio, trenta organizzazioni della società civile hanno chiesto alle autorità di astenersi dal mettere a tacere i diritti civili, la libertà politica e la libertà di espressione nella regione del Kurdistan: «La libertà di parola e di critica non deve essere messa a tacere e la libertà di stampa e di giornalismo non deve essere limitata».

Luigi Medici