Firebase Bell a Makhmour: Marine contro DAESH

60

IRAQ – Makhmour 10/04/2016. Il centinaio di artiglieri dei Marine dislocati presso il Karasoar Counterfire Complex a Makhmour spara ogni giorno a sostegno delle manovre irachene.

Come riporta Navy Times, sparano qualsiasi cosa, da esplosivi ad alto potenziale per sopprimere il nemico, a fumageni per lo screening di movimenti amici, a colpi illuminanti per aiutare le pattuglie la sera.
Per il momento, la base, informalmente nota come “Firebase Bell,” è un unicum per le truppe statunitensi in Iraq, ma sarebbe allo studio un pino per moltiplicare simili presenze. A marzo 2016, meno di 200 Marines hanno creato l’avamposto, che ha almeno quattro obici M777A2. L’area è a pochi chilometri dal territorio controllato dallo Stato islamico.
I Marine stanno partecipando ad una nuova operazione dell’esercito iracheno per respingere Daesh e riprendere terreno lungo il fiume Tigri a sud di Mosul per tagliare i rifornimenti tra Mosuk e i il resto del territorio di Daesh a sud e a est. La base dei Marine si trova molto vicino ad altre strutture militari irachene vicino a Makhmour, dove l’esercito iracheno si sta ammassando in preparazione delle operazioni per riprendere Mosul. Una serie di attacchi diretti a Firebase Bell sono avvenuti nelle ultime due settimane quando gli iracheni si sono spinti ad ovest e hanno attaccato diversi villaggi controllati da Daesh. Una serie di notizie locali da Makhmour e Nasr suggeriscono che le unità irachene hanno subito una serie di diserzioni e non starebbero combattendo in maniera aggressiva.