IRAQ. La guerra dei social prima del voto di maggio

98

Le strade dell’Iraq sono piene di manifesti elettorali, tre settimane prima delle prime elezioni legislative della nazione dalla annunciata sconfitta dello Stato islamico, ma la quotidiana rivalità politica è rimasta molto viva e si è tradotta in veri atti di vandalismo attentati.

Un clima di tensione e polemica, temi familiari nella politica irachena, si è instaurato dall’inizio della campagna elettorale per il voto del 12 maggio, ma mentre la competizione politica si svolge per strada, gli animi si infiammano per le denunzie reciproche di corruzione o per le denuncia di “sciizzazione” del corpo socio-politico iracheno mosse dai sunniti. Tema centrale, ad esempio, è quello della possibilità di far votare le milizie, in gran parte sciite e filo iraniane o meno. Non sono mancati gli attentati dinamitardi contini diversi candidati le cui auto sono esplose “misteriosamente”. La campagna elettorale poi impazza sui social media iracheni: le denunce via Twitter hanno tassi di approvazione elevati, contribuendo a infiammare gli animi e il processo politico.

Ad esempio il parlamentare Zafer al Ani ha dichiarato che i partiti politici si porteranno le milizie nelle urne alle prossime elezioni per assicurarsi i voti. Hassan al Alawi, altro parlamentare, sempre via Twitter, ha dichiarato che i partiti religiosi inizieranno con gli assassinii se non prenderanno i voti necessari alle prossime elezioni. La parlamentare Norah al Bajari ha indicato che il conflitto tra blocchi politici entrerà in una nuova fase a breve, ovvero quella dell’uso delle armi per propaganda elettorale. Secondo Yazan Mishaan al Jubouri, l’attuale premier Abadi usa la sua posizione di potere per la la campagna elettorale e supportare i candidati della sua lista, sciiti.

Meno cruenta è la protesta di un gruppo di “sconosciuti” che protestano contro il processo elettorale alterando o danneggiando le immagini raggianti di politici intonacate sugli edifici delle città. Si tratta soprattuto di gruppi di giovani, local, che modificano gli slogan politici ironizzando ferocemente sulle collusioni sciite o le accuse di corruzione. È un gioco costante di gatti e topi, mentre di notte gli attivisti si intrufolavano per rimuovere o deformare i cartelloni dell’avversario e scoprire che la mattina dopo era stato affisso un manifesto nuovo di zecca al suo posto, riporta Efe.

Graziella Giangiulio