IRAQ. ISIS trasforma Mosul in una nuova Somme

739
In Iraq, tra domenica e lunedì moltissimi gli attentati suicida che ISIS ha portato avanti contro le forze irachene e non tutte a Mosul. In modo particolare ha fatto notizia sui social ISIS l’attacco alla base di Kiwan a Kirkuk che, tra gli altri, ospita i militari americani. Ci sarebbero nella base 2000 soldati. 5 gli attentatori suicida. Contro la base di cui 4 hanno raggiunto l’obiettivo. Nel mirino di ISIS l’area K-1, base Kiwan a ovest di Kirkuk. Sempre nella giornata di domenica non è andata meglio a Mosul. Tre attentati suicida sono stati portati avanti da ISIS a Haramat (Hormat) nella zona ovest della città. Mosul è davvero la nuova ecatombe di militari. La tribù sciita Al Abbas del sud dell’Iraq ha perso più di 3mila uomini  nei combattimenti a Mosul, in soli 7 mesi di controffensiva. Nel frattempo ISIS denuncia i morti 34 e i feriti 77 su diversi quartieri di Mosul causati dai bombardamenti USA. Le aree più calde di lunedì sono state Mushayrafah e di Hermat (Hormat).  In totale nella zona ovest di Mosul, lunedì, sono stati compiuti tre gli attentati con autobomba. ISIS lamenta in queste aree bombardamenti al fosforo bianco da parte degli USA. Molto incandescente anche il confine tra Siria e Giordania. Daesh ha rivendicato l’uccisione di 6 militanti del FSA e il ferimento di altri otto in un attacco inghimasi vicino al confine con la Giordania. ISIS ha assulatemete bisogno di avere le vie di fuga libere, e deve essere in grado di raggiungere le sue enclave in Siria, Giordania e Iraq in ogni momento. In questa aerea stanno arrivando anche le forze pro Assad che vogliono riprendere il controllo del territorio ai ribelli, che a loro volta lo avevano preso a ISIS. Nei prossimi giorni vi saranno forti scontri nella zona. Daesh, inoltre, ha voluto dimostrare ai ribelli siriani che aver preso una fetta di deserto e alcuni checkpoint al confine con la Giordania di fondo non significa aver sconfitto il Califfato. Anzi. Sul fronte Assad contro ribelli a Qabun si continua negoziare per evacuare i ribelli dall’area. Ad oggi, più di mille persone sono state evacuate: 104 ribelli e 918 civili, tra cui anche 246 bambini e 212 donne. Fronte aperto tra Assad e i ribelli a est di Goutha. Si registrano ancora, nonostante quanto dichiarato dai russi, scontri tra ISIS e forze pro Assad a Palmira, Homs.
Redazione
DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su Tabook.it