Intelligence russa a Baghdad inquieta gli USA

9

IRAQ – Baghdad 14/10/2015. Il nuovo centro di intelligence interforze che combatte lo Stato Islamico fornisce informazioni per la pianificazione dei bombardamenti russi in teatro.

L’Iraq ha cominciato le use operazioni contro lo Stato islamico proprio con l’aiuto di questo nuovo centro di intelligence in cui operano iuomini delle forze armate di Russia, Iran e Siria. Il centro è operativo da poco più di una settimana, e aveva fornito l’intelligenza per attacchi aerei su una riunione di medio livello figure stato islamico, Hakim al Zamili, il capo della difesa e della sicurezza del comitato del Parlamento, ha detto a Reuters. La presenza di questo nuovo apparato di sicurezza a Baghdad suggerirebbe che gli Stati Uniti stiano perdendo peso specifico in Medio Oriente, area in cui gli Usa hanno investito grandemente in molti anni.
Due russi generali a una stella sono di stanza presso il centro di intelligence a Baghdad , secondo un funzionario iracheno che ha chiesto di non essere nominato. Ciascuno dei quattro paesi membri ha sei membri nella cellula per lo scambio di informazioni e la cooperazione in tema di sicurezza, che si riunisce nella “Zona Verde” di Baghdad che un tempo ospitava la sede del comando statunitense. «Troviamo estremamente utile», il funzionario iracheno ha detto. «aL’idea è di formalizzare il rapporto con l’Iran, la Russia e Siria. Volevamo un alleanza militare in piena regola.” Teheran vanta già una profonda influenza in Iraq: i consiglieri militari iraniani li aiutano nella campagna contro Stato islamico, ma è la presenza della Russia che sta causando le maggiori ansie nelle cancellerie occidentali. Washington, con una storia di stretti legami di sicurezza con Baghdad, ora preoccupa il centro di intelligence può favorire legami più stretti russo-iracheni, in particolare per quanto riguarda le operazioni contro i militanti islamici, un funzionario della sicurezza degli Stati Uniti ha detto. Gli Stati Uniti ritengono che il punto principale dell’accordo di intelligence sharing, che copre anche le operazioni in Siria, sia quello di manifestare il ruolo maggiore nel conflitto nel paese vicino, ha detto il funzionario. Il primo ministro Haider al-Abadi ha detto che sarebbe favorevole a raid aerei russi contro Stato islamico sul suolo iracheno. Il governo di Baghdad, e le alleate milizie sciite sostenute dall’Iran, che stanno guidando la lotta contro Stato Islamico in Iraq, dicono che gli Stati Uniti non hanno la determinazione e la disponibilità a fornire armi al fine di cancellare la militanza nella regione.