IRAQ. I rientri superano numero degli sfollati del 2013

59

Il numero degli iracheni che ritornano nelle loro zone di origine ha superato, per la prima volta, gli sfollati interni dal dicembre 2013, quando nel paese è esploso il conflitto con lo Stato islamico. Lo ha annunciato l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, Oim.

«Gli iracheni sfollati sono tra i più vulnerabili, in quanto si trovano di fronte a ostacoli per il loro ritorno, tra cui il danneggiamento o la distruzione delle loro infrastrutture domestiche e locali, limitazioni finanziarie e altri vincoli», ha dichiarato Gerard Waite, capo della missione dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni in Iraq. Negli ultimi quattro anni, il paese è stato profondamente colpito dal conflitto con Daesh, che ha portato allo sfollamento di quasi sei milioni di persone, ha dichiarato l’Oim in un comunicato.

Il 9 dicembre, il primo Ministro Haider al-Abadi ha annunciato la vittoria dell’Iraq su Isis e alla fine dell’anno l’Oim aveva identificato 3,2 milioni di persone che erano rientrate nel loro luogo d’origine, mentre 2,6 milioni di persone erano ancora sfollate. A seguito del miglioramento della sicurezza nelle zone in cui sono, lo stato iracheno è stato ripristinato e un numero considerevole di sfollati interni è tornato a casa principalmente nei tre governatorati, maggiormente colpiti dall’occupazione di Daesh, che rappresentano l’86% degli sfollati iracheni. Più di 1,2 milioni di persone sono tornate nel governatorato di Anbar; quasi 975.000 a Ninive; e quasi 460.000 nel Salah al-Din.

Poco dopo il lancio delle operazioni su Mosul ad ottobre 2016, l’Oim ha costruito due siti di dislocamento di emergenza, uno a Haj Ali e l’altro a Qayara. Con una capacità combinata di ospitare 110.000 sfollati, questi siti sono stati costruiti in collaborazione con il ministero iracheno della Migrazione e dello sfollamento nel sud-est del governatorato di Ninive. Gli oltre 71.000 sfollati interni rimasti lì ricevono kit di soccorso, servizi medici e sostegno psicosociale da parte dell’Oim e altri servizi dei partner umanitari.

L’Oim ha sottolineato che il 57% degli sfollati interni si trova attualmente nel Ninive, che ha una popolazione di sfollati interni del 97%. I rimpatri infra-governatorati rappresentano il 55% dei rimpatriati, una tendenza comune tra i governatorati più colpiti che probabilmente continuerà.

Lucia Giannini