Iraq a rischio scomparsa

54

IRAQ – Baghdad 11/07/2014. I partiti politici curdi non intendono più partecipare al governo nazionale iracheno in segno di protesta contro l’accusa del primo ministro Nuri al-Maliki di ospitare i ribelli islamici nella loro capitale.

Lo ha annunciato il ministro degli Esteri iracheno, Hoshiyar Zebari, l’11 luglio. «Abbiamo sospeso la nostra attività di governo», ha detto il ministro Hoshiyar Zebari (in foto un fotogramma video), che è un curdo. I curdi hanno annunciato il 10 luglio che stavano cancellando la loro partecipazione alle riunioni di gabinetto. Zebari ha detto che i ministri curdi stavano sospendendo il loro lavoro nei settori Esteri, Commercio, Migrazione, Sanità e il vice-premiership. Zebari ha detto che i curdi continueranno a frequentare il parlamento, eletto il 30 aprile, che sta cercando di formare un nuovo governo di fronte caos che sta sconvolgendo l’Iraq. Zebari ha detto che l’Iraq rischia di cadere a pezzi se non si presto formerà un nuovo governo «il paese è ora diviso letteralmente in tre stati: Krg, Isil e Baghdad» . Zebari ha esortato i partiti politici iracheni a formare un governo in fretta: «C’è la necessità per tutti di lavorare insieme e ricreare il nuovo Iraq, per costruire un Iraq federale, sulla base dei principi della Costituzione (…) le conseguenze di un fallimento saranno terribili: La frammentazione completa e la scomparsa dell’Iraq».