IRAQ. Assaltato il parlamento dopo le dimissioni di Barzani

46

I dimostranti contrari alla decisione di Masoud Barzani di dimettersi da presidente del governo regionale del Kurdistan, Krg, hanno assaltato l’edificio del parlamento regionale a Erbil il 29 ottobre, mentre i parlamentari si sono incontrati per decidere del periodo post-dimissioni del leader.

Stando a Arab News, Barzani ha detto che si sarebbe ritirato dalla sua carica di presidente il 1° novembre.

In un discorso televisivo, il suo primo da quando le forze irachene hanno lanciato un’offensiva per riconquistare il territorio curdo il 16 ottobre, Barzani ha confermato che non avrebbe prolungato il suo mandato presidenziale dopo il 1° novembre «a qualsiasi condizione (…) Io sono lo stesso Masoud Barzani, sono Peshmerga e continuerò ad aiutare il mio popolo nella lotta per l’indipendenza».

L’indirizzo di Barzani è seguito ad una lettera da lui inviata al Parlamento, in cui chiedeva ai deputati di adottare misure per colmare il vuoto di potere che ne derivava e il 30 ottobre il parlamento del Krg si è riunito a Erbil per discuterla. Una maggioranza di 70 deputati curdi ha votato a favore della richiesta di Barzani e 23 si sono opposti, secondo Rudaw e Kurdistan24.

I dimostranti, alcuni armati, hanno preso d’assalto l’edificio del parlamento mentre la sessione era in corso, innescando una sparatoria. Alcuni deputati si sono barricati nei loro uffici fino alla sera del 29 ottobre. Barzani ha deciso di rimettere la presidenza, senza attendere le elezioni che erano state fissate per il 1° novembre, e che ora sono slittate di otto mesi.

Nel suo discorso, Barzani ha difeso con vigore la sua decisione di indire il referendum del 25 settembre, i cui risultati «non potranno mai essere cancellati», ha detto. Il voto è stato prevalentemente a favore dell’indipendenza e ha innescato l’azione militare del governo di Baghdad e le minacce provenienti da Turchia e Iran.

Ha aggiunto che con l’attacco a Kirkuk, Baghdad non credeva più nel federalismo e voleva invece ridurre i diritti dei curdi: «L’Iraq sta usando il referendum di indipendenza curdo del mese scorso come pretesto per attaccare il Kurdistan».

Barzani, architetto del referendum, ha esortato le forze curde a incontrarsi presto per discutere di riempire “il vuoto politico” creato dal suo ritiro e ha detto che «rimarrà come combattente all’interno dei Peshmerga continuerà a lottare per conquistare i diritti del popolo curdo e conservare le sue vittorie». Ha poi condannato gli Stati Uniti per non aver sostenuto i curdi: «Il nostro popolo dovrebbe ora chiedersi se gli Stati Uniti fossero a conoscenza dell’attacco iracheno e perché non l’abbiano impedito».

Le sue dimissioni potrebbero contribuire a facilitare la riconciliazione tra il governo regionale del Kurdistan e il governo centrale iracheno, la cui ritorsione dopo il referendum ha trasformato l’equilibrio di potere nel nord del paese. Barzani ha guidato il KRG fin dalla sua fondazione nel 2005. Il suo secondo mandato è scaduto nel 2013, ma è stato prorogato senza che si svolgessero elezioni, poiché Daesh aveva preso vaste aree di territorio in Iraq e Siria.

Luigi Medici