IRAQ. Accordo Siemens-Orascom per far ripartire centrale di Baiji 

42

L’Iraq ha firmato il 14 settembre un accordo da 1,3 miliardi di dollari con il conglomerato industriale tedesco Siemens e l’egiziana Orascom Construction per ricostruire un grande complesso di centrali elettriche nella città di Baiji, a nord di Baghdad. Il nuovo accordo fa parte di una più ampia tabella di marcia energetica che l’Iraq ha firmato con Siemens all’inizio di quest’anno nel tentativo di pompare 11 gigawatt nel settore energetico paralizzato dell’Iraq. Il paese genera attualmente circa 15 GW, ben al di sotto della domanda stimata di circa 24 GW.

Gli impianti Baiji 1 e 2, così come una massiccia raffineria di petrolio nelle vicinanze, sono state distrutte nella lotta triennale contro l’ISIS dopo che Daesh aveva conquistato un terzo dell’Iraq nel 2014. Molti dei quartieri di Baiji rimangono sventrati, i campi circostanti sono disseminati di ordigni inesplosi e l’area è controllata da una complessa rete di gruppi paramilitari, riporta Asharq al Aswat.

Il ministro dell’Elettricità iracheno Luay al-Khateeb ha firmato l’accordo a Baghdad con il Ceo di Siemens Joe Kaeser e il capo di Orascom Osama Bishai: «Questo accordo del valore di 1,3 miliardi di dollari aggiungerà fino a 1,7 GW alla rete», ha detto Khateeb. Siemens ha detto che la ristrutturazione dell’impianto avrebbe richiesto circa 28 mesi, a partire dal momento in cui il governo iracheno approva i contratti e viene raggiunto un accordo di finanziamento.

La rete elettrica dell’Iraq è stata devastata da decenni di conflitti e scarsa manutenzione, causando interruzioni croniche dell’alimentazione elettrica in tutto il paese. L’Iraq immette nella sua rete elettricità importata dal vicino Iran, oltre a utilizzare il gas naturale iraniano per alimentare le sue centrali elettriche. Gli Stati Uniti hanno concesso all’Iraq una serie di deroghe alle sanzioni contro l’Iran, permettendogli di mantenere le sue importazioni, a condizione che funzioni per svezzare se stesso.

I funzionari statunitensi hanno esortato l’Iraq a collaborare con aziende americane, tra cui General Electric, per ottenere l’indipendenza energetica. Kaeser ha accennato che tale pressione si è attenuata e che sono state raggiunte “condizioni di parità”: «Il tempo lo dirà, ma altrimenti qualcun altro sarebbe stato qui a firmare oggi», ha detto.

Maddalena Ingrao