Teheran non fa accordi per eliminare IS

57

IRAN – Teheran. 02/12/14. L’Iran ha respinto la cooperazione con la coalizione guidata dagli Usa anti-IS (Stato islamico) nel bombardare gli obiettivi del gruppo in Iraq.

A dirlo il Vice Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate iraniane il generale di brigata Masoud Jazayeri il quale sostiene di aver rifiutato qualsiasi collaborazione con la coalizione guidata dagli Stati Uniti, aggiungendo gli Stati Uniti non hanno posto nel futuro dell’Iraq, fonte Fars l’agenzia di stampa iraniana. Jazayeri ha fatto le dichiarazioni commentando alcune dichiarazioni di media occidentali secondo cui i combattenti iraniani stanno già affrontando IS in Iraq. L’Huffington Post ha citato un funzionario della difesa degli Stati Uniti il quale sostiene che gli Usa sono a conoscenza di attività di bombardamenti iraniani nello stesso spazio aereo nazionale, dove gli aerei in linea con la coalizione guidata dagli Usa stanno bombardando lo stato islamico. «Siamo consapevoli di di ciò che accade. Non vorrei dire che siamo preoccupati. Ma abbiamo i nostri occhi su di esso», ha detto il funzionario. Egli ha osservato che i bombardamenti iraniani hanno avuto luogo vicino al confine iraniano, in una parte diversa dell’Iraq rispetto a dove avvengono la maggior parte degli attacchi degli Stati Uniti e l’attività della coalizione. Il funzionario Usa ha detto che poteva solo confermare che vi erano stati dei bombardamenti lo ha detto in condizione di anonimato. Lo ‘Stato islamico’ (IS, ex ISIL o ISIS,) è stato creato nel 2003 in Iraq. Dopo l’inizio del confronto militare in Siria tra l’opposizione armata e le forze governative, IS è penetrato nel paese nel 2013. L’organizzazione ha detto che nel momento in cui si rifiuta di prestare giuramento di Al-Qaeda e ha dichiarato ‘guerra santa’ contro tutti gli altri gruppi armati in Iraq e Siria, così come contro le forze governative siriane.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa TAP e la Puglia
Articolo successivoWilayat Sinai in azione