Arrestata altra presunta spia iraniana inTurchia

43

A Diyarbakir, lo scorso primo settembre, è stata arrestato Ferhat Ariaei, commerciante all’ingrosso di marmi, durante una manifestazione organizzata dal Partito pace e democrazia (pro curdo).

La polizia nel corso delle indaghi aveva scoperto che l’uomo aveva compiuto diversi viaggi in Turchia e nel Kurdistan, e aveva mentito sulla sua non consocneza del turco e del curdo cosa rivelatasi poi falsa dorante l’interrogarorio.

Addosso all’uomo, la polizia ha ritrovato, stando alle fronti ufficiali, una tessera militare dei Guardiani della rivoluzione iraniana, otto sim card, due cellulari e una chiave usb. L’attività degli operativi iraniani in Turchia, stando alle fonti di Ankara, sembra essersi intensificata dopo la presa di posizione ufficiale sulla questione siriana. Le operazioni di polizia che hanno portato all’arresto di presunte spie si sono intensificate, come riportato dalla stampa negli ultimi mesi.