Teheran appoggia l’Ankara di Erdogan

14

IRAN – Teheran 17/07/2016. L’Iran ha detto il 16 luglio di appoggiare pienamente il governo della Turchia e di essere contro il tentativo di golpe militare tentato il 15 luglio.

L’appoggio di Teheran arriva nonostante le differenze profonde di Teheran e Ankara su Siria e di altre questioni. Stando a quanto riportato dalla Tasnim, Ali Akbar Velayati ha detto che Teheran sostiene il governo eletto della Turchia contro il colpo di stato, ma chiede che Ankara faccia lo stesso quando si tratterà della Siria. L’Iran è alleato del presidente Bashar al-Assad nella guerra civile siriana mentre la Turchia è stata uno dei suoi critici più feroci e ha sostenuto i suoi avversari. «Non siamo d’accordo con la Turchia su alcune questioni, come la Siria. Siamo fiduciosi che il governo turco rispetti il popolo siriano, la sua opinione e il voto e lasci alla nazione siriana scegliere il suo governo» ha detto Velayati, principale “aiutante” della Guida Suprema, l’ayatollah Ali Khamenei. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha anche parlato al telefono con il presidente turco Tayyip Erdogan. «L’Iran è pronto a espandere i legami con la Turchia in tutti i campi anche di più rispetto a prima», avrebbe detto Rouhani secondo Tasnim. Rouhani ha anche presieduto una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale dell’Iran il 16 luglio proprio per discutere gli ultimi sviluppi in Turchia. «Sosteniamo il governo legale della Turchia e ci opponiamo ad ogni tipo di colpo di stato, effettuato con o senza l’appoggio di stranieri», ha detto il segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale Ali Shamkhani dopo la riunione, ripreso dall’agenzia di stampa statale Irna. Anche il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha parlato molte volte al telefono con il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, secondo le agenzie di stampa iraniane. Zarif ha detto in un tweet di essere «profondamente preoccupato per la crisi in Turchia. La stabilità, la democrazia e la sicurezza del popolo turco sono di primaria importanza». In seguito Zarif ha elogiato i sostenitori di Erdogan che sono scesi in piazza per opporsi al golpe: «La coraggiosa difesa della democrazia e del loro governo eletto fatta dal popolo turco dimostra che i colpi di stato non hanno posto nella nostra regione e sono destinati a fallire».