IRAN. Teheran oggi dispone di missili costieri contro le navi USA

136

L’esercito iraniano ha messo in produzione missili da costa a mare con una portata di 300 km. Il vice comandante dell’esercito iraniano per le operazioni, contrammiraglio Mahmoud Moussavi, ha detto «non avevamo missili da costa a mare prima della rivoluzione islamica; ma i nostri missili hanno raggiunto oggi una portata di 300 chilometri e aumenteranno anche nel prossimo futuro».

La manutenzione e la protezione di attrezzature e strutture è un’importante missione per l’esercito iraniano dalla Rivoluzione Islamica del 1979, che, secondo Moussavi è stata svolta in modo soddisfacente, riporta Mehr.

Indicando i diversi compiti delle forze militari nelle varie fasi della Rivoluzione Islamica, Moussavi ha detto che «la prima risposta schiacciante è stata data dall’esercito iraniano all’aviazione del nemico, e poi su vari assi terrestri, marittimi e aerei, molti figli della Rivoluzione Islamica sono stati martirizzati per proteggere la terra iraniana».

Moussavi prosegue l’agenzia iraniana ha osservato che «l’esercito ha messo all’ordine del giorno la ricostruzione della capacità e degli equipaggiamenti di difesa (…)  e ha migliorato il potere deterrente dell’Iran formando un’unità sotterranea altamente strategica e non esistente prima della Rivoluzione Islamica, e d’altra parte progettando e costruendo diversi missili (…) Prima della rivoluzione islamica non avevamo missili da costa a mare; ma i nostri missili hanno raggiunto oggi un raggio d’azione di 300 chilometri e aumenteranno anche nel prossimo futuro», ha aggiunto.

Il vice comandante delle operazioni ha detto che la presenza dell’Iran nel Golfo Persico, nel Mar Caspio e negli oceani è un altro risultato delle forze armate conseguito dopo la Rivoluzione Islamica, che indica che la capacità dell’esercito, l’autorità e la capacità di difesa è stata migliorata a tal punto che non è paragonabile a quella di prima della Rivoluzione.

Già nell’ottobre 2918, il generale Amir Ali Hajizadeh, comandante della Divisione Aerospaziale del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, aveva detto che Teheran aveva esteso con successo la portata dei suoi missili balistici terra-mare a 700 chilometri: «Oggi, siamo riusciti a produrre missili balistici terra-mare, che ci permettono di colpire navi da guerra a 700 chilometri di distanza», riporta Press Tv.

Maddalena Ingroia