IRAN. Task force antiterrorismo congiunta pakistano iraniana

59

Iran e Pakistan hanno deciso di creare una task force comune per eliminare i gruppi terroristici, durante la visita del primo Ministro Imran Khan a Teheran con l’impegno a non unirsi ad alcuna coalizione contro la Repubblica islamica.

Rouhani ha annunciato l’accordo il 22 aprile dopo i colloqui con il premier Khan, la cui prima visita a Teheran dovrebbe aver aperto un nuovo capitolo nelle relazioni tra i due paesi, riporta Press Tv.

«Abbiamo acconsentito di intensificare la cooperazione di sicurezza fra i due paesi e le loro rispettive forze di sicurezza e di intelligence alle frontiere, formando nel contempo una forza di reazione rapida congiunta sui confini condivisi per combattere il terrorismo», ha detto Rouhani dopo un incontro a porte chiuse con Khan.

La delicata questione della sicurezza delle frontiere è stata il perno del meeting tra funzionari iraniani e pakistani. Prima della visita di Khan, le famiglie di diverse guardie di frontiera iraniane uccise da gruppi terroristici hanno scritto al leader pakistano e gli hanno chiesto di agire rapidamente contro i gruppi che passano liberamente in Iran dal Pakistan. In passato l’Iran aveva esortato il Pakistan ad affrontare la questione, offrendosi di lanciare un’operazione militare e di intelligence congiunta per localizzare ed eliminare i terroristi nei territori pakistani.

Nel loro ultimo attacco, i terroristi pakistani hanno ucciso oltre 40 membri del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica facendo esplodere un’auto carica di esplosivo contro un loro autobus nel sud-est dell’Iran lo scorso febbraio. «Purtroppo, negli ultimi mesi abbiamo assistito ad alcune tensioni causate da gruppi terroristi che hanno agito selvaggiamente», ha detto il presidente Rouhani in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro Khan «Siamo lieti che il Pakistan ora riconosca i gruppi con una condotta così disumana come terroristi e li tratti come tali».  Rouhani ha detto che il suo incontro con Khan ha confermato che Iran e Pakistan che continueranno a mantenere stretti legami nonostante le pressioni esterne 

Rouhani ha detto che l’Iran era pronto a fornire petrolio e gas al Pakistan e ad aumentare di dieci volte le esportazioni di elettricità verso il paese.

Il leader della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Seyyed Ali Khamenei, durante l’incontro con Khan, ha affermato che i gruppi terroristici sostenuti dai nemici dell’Iran e del Pakistan cercano di causare tensioni nelle relazioni tra i due paesi, aggiungendo che le relazioni reciproche devono essere rafforzate nonostante la volontà dei nemici.

Maddalena Ingrao