Riad: niente Iran nella questione siriana

61

ARABIA SAUDITA – Riad. 17/10/13. Secondo l’Arabia Saudita il destino della Siria non dovrebbe essere in mano all’Iran. A dirlo Abdullah Al – Muallimi, ambasciatore alle Nazioni Unite dell’Arabia Saudita in una intervista televisiva Al Arabiya mercoledì.

 

Secondo l’ambasciatore, l’Iran deve smettere di sostenere il regime di Bashar al-Assad o altre bande che lottano contro l’opposizione. Ha inoltre sottolineato che l’Iran interferisce negli affari interni degli stati arabi, utilizzando l’organizzazione terroristica Hezbollah. In precedenza, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato la sua intenzione di continuare a sostenere le autorità siriane nella lotta contro i ribelli. Subito dopo, i membri dell’opposizione siriana hanno sparato ai quartieri sciiti di Beirut e hanno promesso di colpire altri obiettivi in Libano.

Secondo il rapporto, i ribelli siriani hanno chiesto al governo del Libano di porre fine alle attività di Hezbollah nella battaglia contro l’opposizione. Il presidente libanese Michel Suleiman ha detto che Hezbollah è un gruppo di resistenza libanese e non è coinvolta nei combattimenti in Siria.

Durante il conflitto in Siria, che ha avuto inizio nel marzo 2011, più di 115.000 persone sono state uccise e più di 4,2 milioni sono diventati profughi, due milioni sono fuggiti nei paesi vicini. Tra cui Iraq, Giordania, Libano e Turchia. La popolazione totale della Siria prima del conflitto era pari a 20 milioni di euro.