IRAN. RSF denuncia: 860 giornalisti nelle grinfie del regime tra il 1979 e il 2009

41

Il governo iraniano ha arrestato, imprigionato o giustiziato almeno 860 giornalisti nei tre decenni tra la rivoluzione islamica del 1979 e il 2009, secondo uno studio di Reporters Sans Frontières, Rsf. Su 860 erano 218 donne.

In una conferenza stampa a Parigi alla presenza dell’avvocato iraniano per i diritti umani Shirin Ebadi, insignito del Premio Nobel per la pace 2003, Rsf ha dichiarato che le sue fonti hanno trasmesso 1,7 milioni di documenti che descrivono in dettaglio i procedimenti giudiziari contro una serie di cittadini, comprese minoranze, oppositori del governo e giornalisti, riporta Reuters.

Il segretario generale di Rsf Christophe Deloire ha detto che il gruppo ha passato mesi a controllare i documenti con i propri casi documentati e quelli di altre Ong, e ha stabilito che centinaia di giornalisti sono stati presi di mira dallo Stato. «Si tratta di un registro di tutti gli arresti, le detenzioni e le esecuzioni effettuate dalle autorità iraniane nell’area di Teheran in tre decenni», ha detto Rsf. La settimana scorsa le autorità iraniane hanno ribadito che non ci sono prigionieri politici detenuti nel paese.

Rsf ha pubblicato il suo rapporto in concomitanza con il 40° anniversario della rivoluzione islamica che ha portato al potere l’Ayatollah Ruhollah Khomeini. «Dopo mesi di dettagliato lavoro di ricerca sulle voci del dossier, Rsf è in grado di dire che almeno 860 giornalisti e cittadini-giornalisti sono stati arrestati, imprigionati e in alcuni casi giustiziati dal regime iraniano tra il 1979 e il 2009, periodo su cui Rsf ha concentrato le sue ricerche».

Deloire ha detto che la sua organizzazione avrebbe rinviato il dossier all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani nella speranza che si possano fare ulteriori passi per chiedere conto all’Iran: «L’esistenza stessa di questo dossier e delle sue milioni di voci mostra non solo la portata della mendacia del regime iraniano… ma anche le implacabili macchinazioni che ha usato per 40 anni per perseguitare uomini e donne per le loro opinioni o per la loro denuncia», ha detto.

Il mese scorso, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che accusa le autorità iraniane di una repressione del dissenso durante il 2018 con più di 7.000 persone arrestate, tra cui studenti, giornalisti, attivisti ambientali e avvocati. Nella sua analisi, Rsf ha detto di aver identificato almeno quattro giornalisti giustiziati, tra cui Simon Farzami, uno svizzero-iraniano di origine ebraica che era il capo ufficio dell’agenzia di stampa francese Agence France-Presse quando fu arrestato nel 1980.

Luigi Medici