IRAN. Record per l’acciaio di Teheran

89

Khouzestan Steel Company, Ksc, si è affermata come il più grande esportatore dell’Iran, superando la Mobarakeh che è attualmente sotto osservazione antidumping dell’Unione europea.

Ksc ha esportato 1,9 milioni di tonnellate di billette e placche, o circa il 52% della sua produzione, durante l’anno persiano conclusosi il 20 marzo, riporta Press TV. Si tratta di un record storico per l’industria dell’acciaio dell’Iran; il più grande produttore iraniano, il Mobarakeh Steel Co., è stato in precedenza anche il più grande esportatore di prodotti lavorati. Il paese ha esportato 4 milioni di tonnellate di acciaio l’anno scorso, secondo la Iranian Mines and Mining Industries Development and Renovation Organization.

Ksc ha registrato esportazioni regolari per 13 paesi, circa il 50% dei quali vengono spediti per la regione del Medio Oriente e Nord Africa, il 40% per l’Estremo Oriente e circa il 10% per i paesi americani.

Thailandia, Taiwan, Corea del Sud, Malesia e Indonesia sono le nuove destinazioni per l’acciaio iraniano dopo che le esportazioni cinesi verso la regione sono diminuite lo scorso anno.

Questi paesi hanno ricevuto circa 800 mila tonnellate di prodotti, tra cui le billette e placche di Ksc. Per l’anno in corso, KSC sta progettando di farsi strada nel mercato americano in paesi come il Brasile e il Canada.

Ksc dice che ha prodotto 3,6 milioni di tonnellate di prodotti semilavorati lo scorso anno e prevede di aumentare la sua capacità di 5 milioni di tonnellate all’anno entro due anni, poi salire fino a 13,6 milioni di tonnellate all’anno entro il 2025.

L’acciaio era la più grande voce dell’export dell’Iran dopo petrolio, gas e petrolchimica lo scorso anno, in parte a causa della crisi nazionale.

Il paese ha visto incrementare la produzione di acciaio, con l’obiettivo di 55 milioni di tonnellate all’anno entro il 2015. L’Iran gode di un vantaggio, perché i costi di produzione presso la maggior parte delle sue acciaierie sono competitivi a livello internazionale a causa di bassi prezzi dell’energia nel paese.

Tommaso dal Passo